Lo Strillone: direttori di museo a tempo per evitare “posizioni dominanti” su La Repubblica. E poi scoperto un Carracci nel viterbese, restauro per il Vasari pisano, i fotografi della Magnum al Forte di Bard…

C’erano arrivati, secoli fa, nell’Italia dei comuni. Con la temporizzazione della carica di podestà a scongiurare – o provarci – il rischio di monopoli, tirannie, corruttele varie. Ora tocca all’incarico di direttore di museo e soprintendente: fa già discutere, su La Repubblica, la circolare del MiBAC che fissa in un massimo di trentasei mesi la […]

Quotidiani
Quotidiani

C’erano arrivati, secoli fa, nell’Italia dei comuni. Con la temporizzazione della carica di podestà a scongiurare – o provarci – il rischio di monopoli, tirannie, corruttele varie. Ora tocca all’incarico di direttore di museo e soprintendente: fa già discutere, su La Repubblica, la circolare del MiBAC che fissa in un massimo di trentasei mesi la durata di ogni mandato. Poi si cambia, al via la rotazione.

Il primo indizio è stato un disegno conservato al Louvre, la pista ha poi condotto fino a Caprarola, in quel di Viterbo: su La Stampa il caso della pala d’altare fresca di riconsegna al catalogo di Annibale Carracci. Intanto Quotidiano Nazionale è a Pisa per il restauro del Vasari conservato nella Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri.

Mostre varie ed eventuali: al Forte di Bard e su Avvenire inaugura la grande mostra sui big dell’agenzia Magnum; Libero invita a Cervia per scoprire le architetture novecentesche di Matteo Focaccia, con un piede nel Liberty e l’altro del Razionalismo. Corriere della Sera si sofferma a Venezia: alla Guggenheim le carte di Robert Motherwell.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.