Conclusa la residenza S.A.C.S. a Vallefredda. Nari Ward e i sette artisti siciliani tornano a casa, in attesa della mostra. Con l’intervista al guest artist americano, tutte le foto: ecco chiccera alla colazione-preview domenicale

Metti una domenica mattina tra le campegne romane; metti un pezzetto dell’art world capitolino, siciliano e non solo; metti un’architettura incastonata nel paesaggio, cubo minimal di ferro, vetro e cemento, in cui l’otium corrisponde al buon cibo, al riposo, alle cure di una incantevole Spa, ma anche allo studio e al dialogo creativo. Metti insieme […]

Paesaggio con artista, 2013 - Vallefredda, Labico, colazione-preview - la squadra al completo: artisti, curatori e organizzazione

Metti una domenica mattina tra le campegne romane; metti un pezzetto dell’art world capitolino, siciliano e non solo; metti un’architettura incastonata nel paesaggio, cubo minimal di ferro, vetro e cemento, in cui l’otium corrisponde al buon cibo, al riposo, alle cure di una incantevole Spa, ma anche allo studio e al dialogo creativo. Metti insieme tutto questo ed ecco “Paesaggio con artista“, residenza in forma di laboratorio di idee, ospitata nel resort dello chef Antonello Colonna, a Vallefredda, Labico. Laboratorio a cui hanno partecipato sette artisti siciliani dell’Archivio S.A.C.S. / Museo Riso – /barbaragurrieri/group, Giuseppe Buzzotta, Gabriella Ciancimino, Silvia Giambrone, Giuseppe Lana, Filippo Leonardi, Concetta Modica – insieme al guest artist americano Nari Ward, e che si è concluso per l’appunto la scorsa domenica, con un pranzo aperto a tanti ospiti dell’art system e la presentazione degli spunti tematici emersi durante la settimana.
Ed è proprio Nari Ward ad averci regalato, in poche battute, un commento a caldo: “Per me è una esperienza stimolante e impegnativa; il processo è sempre in evoluzione ed è una cosa che mi ispira molto: sono i casi in cui hai la possibilità di cogliere l’attimo, avendo a disposizione soltanto la cornice ma non dei compiti e dei paletti specifici. Molti degli artisti non sono emergenti, quindi possiedono già una loro visione e un’idea di quello che sono e che vogliono. E’ stato quindi più facile aprire un dialogo consapevole”..

Paesaggio con artista, 2013 - Vallefredda, Labico, colazione-preview - Nari Ward, Giuseppe Pietroniro, Lexi Eberspacher
Paesaggio con artista, 2013 – Vallefredda, Labico, colazione-preview – Nari Ward, Giuseppe Pietroniro, Lexi Eberspacher

E poi ancora il rapporto con il luogo e il percorso umano e intellettuale avviato: “Anche l’ambiente ha contribuito alla peculiarità di questa esperienza; è stato come sentirsi completamente liberati, spogliati dalla contingenza delle esigenze quotidiane, totalmente concentrati e più disponibili ad ascoltare cose che normalmente non si percepirebbero affatto. Il forte senso di protezione e di ospitalità trasmesso dalla struttura ha poi amplificato notevolmente le possibilità di pensiero e di confronto, aiutando a tenere unito il gruppo dal punto di vista delle relazioni e del sentire comune. Con cosa ci siamo confrantati? Ci sianmo chiesti innanzitutto quale fosse la domanda fondamentale per ognuno di noi, rispetto al lavoro, all’essere qui e alla nostra ricerca futura. La base comune è stata una riflessione intensa intorno all rapporto tra natura e cultura“.
Nell’attesa di scoprire come si strutturerà la mostra finale, il prossimo novembre, presso uno spazio istituzionale romano, ecco le immagini della festa conclusiva firmate da Giovanni De Angelis, tra il succulento bouffet in giardino, il tripudio di chiacchiere e tanta curiosità per i progetti degli artistiti, per tutto il giorno pronti – assieme ai curatori – a raccontare frammenti di questa bella avventura artistico-bucolica: armonie creative ed esperimenti relazionali, per una piccola comunità temporanea immersa nel paesaggio.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Una bellissima iniziativa, Roma ha bisogno di questi eventi per continuare a far sognare i propri turisti quando visitano la Capitale…Complimenti!