Biopic d’artista per il ritorno di Tim Burton alla regia. Parte la lavorazione di “Big Eyes”, film sul legame tra Margaret Keane e il marito Walter, che negli Anni Cinquanta si è attribuito la paternità dei suoi ritratti

Il primo ciak è previsto a giorni. Il cast vede impegnato il due volte premio Oscar Christoph Waltz e un’altra stella del calibro di Amy Adams, ma anche Jason Schwartzman, tra gli attori feticcio di Wes Anderson. Dietro la macchina da presa Tim Burton, che non poteva farsi sfuggire l’occasione di entrare con il proprio […]

Il primo ciak è previsto a giorni. Il cast vede impegnato il due volte premio Oscar Christoph Waltz e un’altra stella del calibro di Amy Adams, ma anche Jason Schwartzman, tra gli attori feticcio di Wes Anderson. Dietro la macchina da presa Tim Burton, che non poteva farsi sfuggire l’occasione di entrare con il proprio sguardo visionario nell’universo creativo di una tra le artiste più eccentriche del panorama americano. Arriverà nelle sale il prossimo anno – in Italia i diritti sono già stati accaparrati da Lucky Red – l’attesissimo Big Eyes, storia vera di Margaret Keane e del terribile marito Walter. Assunto ad autentico protagonista di una trama che svela i retroscena di uno tra i più clamorosi casi di appropriazione indebita che il mercato dell’arte ricordi. Siamo negli Anni Cinquanta e il buon Walter comincia a piazzare ai pubblicitari di mezzi Stati Uniti una serie di teneri ritratti naif di bambini con gli occhioni sgranati, esageratamente più grandi rispetto all’armonia delle proporzioni del volto. Sembrano quasi manga di ultima generazione, arrivati però con decenni di anticipo: il successo è clamoroso, al punto che parte la produzione seriale, in una speculazione tra le più disinvolte mai realizzate. A incrinare i gradini della lucrosa scalata di Walter è però la moglie Margaret: è lei, in realtà, l’autrice di opere che il marito spaccia impudentemente come sue. Il twist è allora immediato: si passa alle aule del tribunale, dove va in scena la lunga e difficile battaglia che vedrà dare a Cesare quel che è di Cesare.
Non si tratta della prima volta che Hollywood si imbatte nei coniugi Keane, anche se quella del biopic rappresenta una novità assoluta. È il 1973 quando Woody Allen immagina che la società futuribile de Il dormiglione riconoscerà i ritratti di Margaret come una tra le più alte forme d’arte di un passato dimenticato.

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.