Biennale Updates: il corpo e il volto secondo Cindy Sherman. Gioni “ospita” la mostra-nella-mostra curata dalla grande artista: ecco il video

Un personale museo immaginario incentrato sulla rappresentazione del corpo e del volto. Pupazzi, manichini e idoli si mescolano a collezioni di fotografie, dipinti, sculture, decorazioni religiose e oggetti eterogenei “che compongono un teatro anatomico – e una casa di bambole – nel quale sperimentare e riflettere sul ruolo che le immagini hanno nella rappresentazione e […]

Un personale museo immaginario incentrato sulla rappresentazione del corpo e del volto. Pupazzi, manichini e idoli si mescolano a collezioni di fotografie, dipinti, sculture, decorazioni religiose e oggetti eterogenei “che compongono un teatro anatomico – e una casa di bambole – nel quale sperimentare e riflettere sul ruolo che le immagini hanno nella rappresentazione e percezione del sé”.
Fra le tante perle di una mostra internazionale – “Il Palazzo Enciclopedico” – con la quale Massimiliano Gioni ha convinto davvero in tanti, spicca il progetto curatoriale affidato alla grande Cindy Sherman, una mostra-nella-mostra inserita nel percorso all’Arsenale, che mette insieme Robert Gober e Paul McCarthy, Jimmie Durham e la raccolta di dagherrotipi di Linda Fregni Nagler. Una wunderkammer postmoderna e molto raffinata, la vedete nel video…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.