Basel Updates: un caffè con Tadashi o un drink con Mickalene? Art Basel da bere, al Favela Café a Messeplatz di Kawamata si aggiunge l’art bar Absolut della Thomas

Ci siamo: inizia domani 10 giugno la frenetica Art Basel week, e per i tantissimi addetti presenti in Svizzera comincia il rebus per incastrare le tante inaugurazioni, presentazioni, conversazioni, party. Quello che sarà facilitato però sarà concedersi qualche minuto di relax: al Favela Café a Messeplatz di Tadashi Kawamata, di cui vi avevamo già parlato, […]

Mickalene Thomas, Monet's Salon, 2012

Ci siamo: inizia domani 10 giugno la frenetica Art Basel week, e per i tantissimi addetti presenti in Svizzera comincia il rebus per incastrare le tante inaugurazioni, presentazioni, conversazioni, party. Quello che sarà facilitato però sarà concedersi qualche minuto di relax: al Favela Café a Messeplatz di Tadashi Kawamata, di cui vi avevamo già parlato, si aggiugerà infatti un altro “cafè” dalle forti connotazioni creative.
Parliamo dell’art bar che l’artista di Brooklyn Mickalene Thomas allestirà nel centro di Basilea, negli spazi della Volkshaus, sotto le insegne della vodka Absolut. Una vera e propria enorme installazione – titolo Better Days – che trasformerà la Galleria in un tipico appartamento Seventies, preparato per ospitare uno psichedelico party. Con un fitto programma di eventi serali, curato dalla stessa Mickalene Thomas, tra cui DJ-set live  performance, mentre il bar offrirà agli ospiti cocktail ovviamente a base di Absolut creati ad-hoc insieme all’artista.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.