Verso la Biennale: i 10mila aquiloni di Jacob Hashimoto. Fervono i preparativi alla Fondazione Querini Stampalia, in anteprima le foto della megainstallazione

Un palinsesto ricco e molto vario, ne abbiamo già accennato, quello predisposto per l’occasione biennalesca dalla Fondazione Querini Stampalia. Diverse mostre, per diversi palati, come l’esposizione di opere site specific di Qiu Zhijie, artista ma anche intellettuale a tutto tondo, curatore dell’ultima Biennale di Shanghai, o come I did not Say or Mean “Warning’’ (Non […]

Un palinsesto ricco e molto vario, ne abbiamo già accennato, quello predisposto per l’occasione biennalesca dalla Fondazione Querini Stampalia. Diverse mostre, per diversi palati, come l’esposizione di opere site specific di Qiu Zhijie, artista ma anche intellettuale a tutto tondo, curatore dell’ultima Biennale di Shanghai, o come I did not Say or Mean “Warning’’ (Non intendevo minimamente allarmarti), di Chiara Fumai, vincitrice della nona Edizione del Premio FURLA, frutto di una rielaborazione proprio del progetto bolognese, o Inpainting, del pittore e disegnatore panamense Nick Devreux.
Da non perdere l’evento intergenerazionale che indaga le idee e i pensieri che si sono tramandati da Roberto Sebastian Matta ai suoi figli Gordon Matta-Clark e Pablo Echaurren. E poi GAS GIANT, installazione site-specific di Jacob Hashimoto, organizzata da Studio la Città – Verona: 10mila aquiloni in carta e bambù realizzati a mano dall’artista, che attraversano gli spazi della storica fondazione veneziana accompagnando lo spettatore lungo gli ambienti espositivi fino alla sala centrale all’ultimo piano del palazzo. Qui non abbiamo resistito, e siamo andati a curiosare “dietro le quinte”: eccovi un bel fotoreport in anteprima…

www.querinistampalia.org

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.