Torna a casa Yehudit. All’Israel Museum di Gerusalemme la prima personale in patria per la “berlinese” Sasportas: qui la fotogallery in anteprima

Apre al pubblico oggi, 29 maggio, sotto il titolo di Seven Winters, tra pittura e installazione, video arte e scultura, ma già vi possiamo mostrare le immagini. Parliamo della personale, a cura di Mira Lapidoth, dedicata a Yehudit Sasportas dall’Israel Museum di Gerusalemme: una mostra che – con opere di piccole e grandi dimensioni – […]

Apre al pubblico oggi, 29 maggio, sotto il titolo di Seven Winters, tra pittura e installazione, video arte e scultura, ma già vi possiamo mostrare le immagini. Parliamo della personale, a cura di Mira Lapidoth, dedicata a Yehudit Sasportas dall’Israel Museum di Gerusalemme: una mostra che – con opere di piccole e grandi dimensioni – rappresenta il primo solo show israeliano negli ultimi dieci anni, dedicato all’artista residente a Berlino.
Classe 1969, vincitrice del Rosa Markin Prize e dell’Israel Art Prize, la Sasportas ritorna in patria con un discorso intimo, allo stesso tempo oscuro, assolutamente bicromo, invitando gli spettatori a calarsi in un’atmosfera profonda e nello stesso tempo enigmatica. L’occhio si abitua al buio e comincia a scorgere nella penombra le forme improbabili, tuttavia lussureggianti, smaltate, delle architetture che l’artista propone e con le quali cerca di descrivere i propri percorsi interiori e mentali. Insomma, eccovi la fotogallery…

Santa Nastro

CONDIVIDI
Santa Nastro
Santa Nastro è nata a Napoli nel 1981. Laureata in Storia dell'Arte presso l'Università di Bologna con una tesi su Francesco Arcangeli, è critico d'arte, giornalista e comunicatore. Attualmente è membro dello staff di direzione di Artribune. È inoltre autore per il progetto arTVision – a live art channel, ufficio stampa per l’American Academy in Rome e Responsabile della Comunicazione della Fondazione Pino Pascali. Dal 2011 collabora con Demanio Marittimo.KM-278 diretto da Pippo Ciorra e Cristiana Colli, con Re_Place, Mu6, L’Aquila e con Arte in Centro. Dal 2006 al 2011 ha collaborato alla realizzazione del Festival dell'Arte Contemporanea di Faenza, diretto da Angela Vettese, Carlos Basualdo e Pier Luigi Sacco. Dal 2005 al 2011 ha collaborato con Exibart nelle sue versioni online e onpaper. Ha pubblicato per Maxim e Fashion Trend, mentre dal 2005 ad oggi ha pubblicato su Il Corriere della Sera, Arte, Alfabeta2, Il Giornale dell'Arte, minima et moralia e saggi testi critici su numerosi cataloghi e pubblicazioni.