Spettacoli, concerti, video, performance. Al via a Forlì l’ottava edizione del festival Ipercorpo: fra gli ospiti Marinella Senatore, Stefania Galegati Shines e Yuri Ancarani

Gli eventi del festival abbracciano molte sfumature della scena, attraversata da video, suoni e musica: dal concerto sintetico degli ErosAntEros agli spettacoli di gruppo nanou, da Fanny & Alexander a Città di Ebla con The Dead, ai concerti di Tirodarco, della svedese De Montevert, dei 2pigeons, al cortometraggio di Menoventi, fino ai video di Marinella Senatore, Stefania Galegati Shines e Yuri […]

Gli eventi del festival abbracciano molte sfumature della scena, attraversata da video, suoni e musica: dal concerto sintetico degli ErosAntEros agli spettacoli di gruppo nanou, da Fanny & AlexanderCittà di Ebla con The Dead, ai concerti di Tirodarco, della svedese De Montevert, dei 2pigeons, al cortometraggio di Menoventi, fino ai video di Marinella Senatore, Stefania Galegati Shines Yuri Ancarani, solo per citare alcuni dei presenti.
Tutto pronto a Forlì per l’ottava edizione di Ipercorpo, il festival organizzato da Città di Ebla, con la direzione generale di Claudio Angelini, che 16 al 19 maggio propone spettacoli, concerti, video e performance nell’area dell’ex-deposito Atr. Non mancano incontri e djset notturni: una delle anime del festival è infatti la voglia di incontrarsi dal vivo. Lo dimostra anche la nuova piattaforma – Italian Performance Platform – che quest’anno offre ad operatori e organizzatori italiani ed internazionali l’occasione di incontrare cinque compagnie ospiti, con tanto di incontro stile speed date, curato dalla studiosa Silvia Mei.
Domenica 19 maggio, la tavola rotonda Il collezionismo come forma d’arte, coordinata dal curatore Davide Ferri, è dedicata alla Collezione Verzocchi, vicina alla sede del festival, e ad una riflessione più ampia sul tema del lavoro e del contemporaneo; ospiti i collezionisti Sciarretta e Giorgio Fasol, ed il critico d’arte Elio Grazioli.

– Silvia Scaravaggi

www.ipercorpo.cittadiebla.com

 

CONDIVIDI
Silvia Scaravaggi
Silvia Scaravaggi (Crema, 1979) è curatore d'arte indipendente, si occupa di scrittura d'arte e di progettazione culturale. Si è laureata in Teoria e Tecnica dei Mezzi di Comunicazione Audiovisiva alla Facoltà di Lettere dell'Università di Pisa e ha approfondito alcuni aspetti dei nuovi media alla Universiteit Van Amsterdam, nei Paesi Bassi. Si interessa di video, installazione, rapporto tra arte, scienza e tecnologia; cura selezionati progetti d'arte, con particolare attenzione al processo di costruzione di una dimensione collaborativa tra artista e curatore. Dal 2011 scrive per Artribune; dal 2005 fa parte del network di Digicult, pubblicando contributi per il magazine mensile Digimag. Per la Provincia di Cremona, dove lavora dal 2005, segue lo sviluppo del Distretto culturale provinciale, nell’ambito del progetto Distretti culturali ideato e realizzato da Fondazione Cariplo. Ha collaborato ad alcune edizioni di INVIDEO, mostra internazionale di video e cinema oltre, e a Techne05, mostra di installazioni interattive, a Milano.