Lo Strillone: la Tate Britain elimina le didascalie delle opere in mostra, ma Il Giornale non ci sta. E poi le scene tagliate di Sorrentino a Cannes, Lawrence Carroll e il “suo” Padiglione della Santa Sede alla Biennale, l’amore di Libeskind per le favelas…

Niente didascalie, siamo la Tate Britain! Il Giornale contesta la scelta del museo londinese, che per evitare di confondere il visitatore con letture critiche accademiche e arbitrarietà varie, elimina dal percorso i cartellini con le didascalie. Va bene l’approccio empatico ed emotivo… ma di chi è ‘sto quadro? Aste curiose: su Quotidiano Nazionale vale 300mila […]

Quotidiani
Quotidiani

Niente didascalie, siamo la Tate Britain! Il Giornale contesta la scelta del museo londinese, che per evitare di confondere il visitatore con letture critiche accademiche e arbitrarietà varie, elimina dal percorso i cartellini con le didascalie. Va bene l’approccio empatico ed emotivo… ma di chi è ‘sto quadro? Aste curiose: su Quotidiano Nazionale vale 300mila dollari la chitarra dei Beatles all’incanto sabato a New York; Libero a Londra per gli autografi di Joseph Conrad battuti da Sotheby’s.

Tiene banco un po’ ovunque il menù del Padiglione della Santa Sede all’imminente Biennale: piace vincere facile ai titolisti de L’Unità, che piazzano in apertura di pagina “Una mostra da Dio”; su Corriere della Sera intervista a Lawrence Carroll, uno degli artisti invitati ad esporre.

Oggi si srotola il tappeto rosso sulla Croisette, con l’apertura del Festival di Cannes: dalle pagine de La Stampa lancio al sito del quotidiano, con l’esclusiva delle scene tagliate de “La grande bellezza” di Paolo Sorrentino. “Amo le forme spontanee, come le favelas”: così parlò Daniel Libeskind, intervistato da Avvenire.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

 

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.