Anche Taranto ha la sua factory. Presentato il centro per le arti Macò, realtà collettiva per un’avanguardia cittadina multidisciplinare

Costruire un futuro più luminoso per Taranto, attraverso una ridefinizione del concetto stesso di cultura. Non solo cultura dell’acciaio, dunque, ma anche arte contemporanea come motore di rinascita, di sviluppo territoriale e di trasformazione del tessuto socio-economico cittadino. È questo l’obiettivo principale del progetto Macò, presentato negli spazi della galleria Rossocontemporaneo. Creatività, sperimentazione e interdisciplinarietà […]

Macò, Taranto

Costruire un futuro più luminoso per Taranto, attraverso una ridefinizione del concetto stesso di cultura. Non solo cultura dell’acciaio, dunque, ma anche arte contemporanea come motore di rinascita, di sviluppo territoriale e di trasformazione del tessuto socio-economico cittadino. È questo l’obiettivo principale del progetto Macò, presentato negli spazi della galleria Rossocontemporaneo. Creatività, sperimentazione e interdisciplinarietà sono i punti cardine di questo nuovo centro per le arti, un laboratorio creativo permanente nato dall’incontro di cinque associazioni: Il Posto delle Fragole, Jonio Jazz, Reco-Reco Hub/Orchestra Popolare Jonica, Terra del Mare e Rossocontemporaneo. L’obiettivo? Creare un “organismo vivo e aperto”, un osservatorio artistico ricco di attività, che costituisca luogo d’incontro e scambio culturale, declinato attraverso i colori e le forme dell’arte: dalla musica al teatro, dalle arti figurative alla la danza, dal cinema alla letteratura.
Come affermato dall’architetto Angelo Raffaele Villani, titolare della galleria, il progetto Macò vuole essere “un’avanguardia cittadina”, creatura dinamica e collettiva che s’ispira, perché no, alla mitica Factory di Andy Warhol.

– Cecilia Pavone

Macò
Via Regina Margherita, 40 – Taranto
Info: 377.2534136
www.savethebeauty.wordpress.com

CONDIVIDI
Cecilia Pavone
Giornalista professionista, Cecilia Pavone è nata a Taranto e ha conseguito la laurea in Filosofia con specializzazione in Storia delle Dottrine Politiche all'Università degli Studi di Bari. Nel suo percorso professionale giornalistico ha lavorato per il quotidiano "Nuovo Corriere Barisera" di Bari specializzandosi nel settore cultura e spettacoli. Tra le sue collaborazioni: "Il Settimanale" di Bari, "Il Resto del Carlino" di Bologna, "Exibart" dal 2007 fino al febbraio 2011, quando ha seguito Massimiliano Tonelli e Marco Enrico Giacomelli alla nuova testata d'arte "Artribune". Attualmente scrive anche su "Lobodilattice.com" e "Metalwave.com".