Italiani in trasferta. Una città, una nave affondata, storie di marinai superstiti: a Indianapolis la personale di Simona Frillici, ecco le immagini della mostra e dell’opening

Ancora fotoreport da oltreoceano: ma le Frieze week non è finita ieri? Sì, infatti stavolta le immagini arrivano dal Midwest, da Indianapolis, capitale dell’Indiana: fin lì è arrivata l’artista italiana Simona Frillici, per la sua personale alla SpaceCamp Gallery, alloggiata nel Murphy Art Building, edificio di studi di artista, studi di registrazione, gallerie e designer. […]

Ancora fotoreport da oltreoceano: ma le Frieze week non è finita ieri? Sì, infatti stavolta le immagini arrivano dal Midwest, da Indianapolis, capitale dell’Indiana: fin lì è arrivata l’artista italiana Simona Frillici, per la sua personale alla SpaceCamp Gallery, alloggiata nel Murphy Art Building, edificio di studi di artista, studi di registrazione, gallerie e designer. Perché proprio Indianapolis? La risposta arriva dall’oggetto della mostra, titolo July 30, 1945: un’installazione site specific che trae ispirazione dalla storia della nave “USS Indianapolis”, affondata dai Giapponesi nel mare delle Filippine – appunto – il 30 luglio 1945. Dal nome Indianapolis, punto di contatto tra la città e l’omonima nave, parte il percorso creato dall’artista “e ambientato nelle acque di un immaginario (quanto metaforico) oceano, in cui si intrecciano la storia dei marinai superstiti, gli squali che li attaccano, e la stessa galleria assume le sembianze di un grande pesce…”. Mostra visibile fino al 31 maggio: ma le immagini dell’opening sono nella fotogallery…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • emanuele vignaroli

    Complimenti per la ricerca del sentimento espressivo nella fotografia di ritratto.Molto suggestivo il colore evoca il mare come metafora della vita.