Esplorando il GIROvita di Pescara. Emanuela Barbi, a bordo del suo furgoncino, incontra i residenti: capire l’arte e la città, attraverso gli sguardi della gente

Arte relazionale. Arte che si fa, non solo per la gente, ma con la gente. Nel segno della partecipazione e del coinvolgimento diretto di un pubblico spesso non di settore. Una formula sempre più diffusa, che apre il linguaggio artistico all’indagine sociologica, urbanistica, antropologica, come anche alla dimensione del gioco e dei – più o […]

GIROvita

Arte relazionale. Arte che si fa, non solo per la gente, ma con la gente. Nel segno della partecipazione e del coinvolgimento diretto di un pubblico spesso non di settore. Una formula sempre più diffusa, che apre il linguaggio artistico all’indagine sociologica, urbanistica, antropologica, come anche alla dimensione del gioco e dei – più o meno tradizionali – riti collettivi.
GIROvita, progetto creativo di Emanuela Barbi, a cura di Marcella Russo, realizzato col contributo della Commissione Pari Opportunità del Comune di Pescara, è un osservatorio urbano mobile, una ricerca da risolvere in chiave dialogica, nel tentativo di rispondere alla domanda delle domande: Che cos’è l’Arte?
Lo scambio, la riflessione, la raccolta dei materiali, la realizzazione: l’opera viene fuori grazie a un piccolo studio mobile – un semplice furgoncino – che si sposta attraverso la città, nei nove quartieri indicati da una mappa. A bordo c’è l’artista, che nell’arco di dieci tappe (una al giorno) perlustrerà il territorio indicato, documentando con video e fotografie i pensieri e le testimonianze degli abitanti: collezione di cartoline inedite di una Pescara vissuta, conosciuta, raccontata, osservata da vicino.
Il  materiale prodotto con la collaborazione di fotografi e registi  confluirà in un piccolo film, prodotto dall’associazione culturale Grand Hotel in tiratura limitata di 100 copie, tutte numerate e firmate dall’artista.  Il primo appuntamento? Mercoledì 15 maggio, con un Opening Party in via Bruno Buozzi, nei pressi del Mercato Ittico,  fissato dalle 19 alle 21; dal giorno successivo si susseguiranno i vari step in calendario, passando in rassegna  – strada per strada, quartiere per quartiere – i nove punti nodali individuati: capitoli di un racconto collettivo dispiegato lungo il perimetro urbano, per conoscere l’identità delle comunità residenti e il senso diffuso del concetto di arte.

– Helga Marsala

L’evento su Facebook

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.