Cannes Updates: si ama o si odia, Steven Soderbergh. Intanto precipitano molto in basso le quotazioni dell’africano Grigris, da molti dato per vincitore

Inframezzata dalla conferenza stampa del film di Sorrentino (di cui a breve vi offriremo in esclusiva un estratto video) la giornata se la sono spartita Behind the Candelabra di Steven Soderbergh e GriGris di Mahamat-Saleh Haroun. Sul primo in molti erano partiti prevenuti: alcuni hanno addirittura saltato la proiezione. Ma per tanti che hanno odiato […]

Behind the Candelabra, di Steven Soderbergh

Inframezzata dalla conferenza stampa del film di Sorrentino (di cui a breve vi offriremo in esclusiva un estratto video) la giornata se la sono spartita Behind the Candelabra di Steven Soderbergh e GriGris di Mahamat-Saleh Haroun. Sul primo in molti erano partiti prevenuti: alcuni hanno addirittura saltato la proiezione. Ma per tanti che hanno odiato il film, molti altri ne sono rimasti piacevolmente sorpresi. Stiamo parlando di un momento della storia privata di Liberace (Michael Douglas), famoso showman e pianista, che si innamora del giovane aspirante veterinario, Scott Thorson (Matt Damon). I personaggi, per chi non lo sapesse, sono davvero esistiti, e quest’ultimo è l’autore del libro a cui il film è ispirato. Ovviamente, basta dare un’occhiata al manifesto, per avere chiaro il concetto che il film è un po’ al di sopra delle righe: eccessivo nelle scenografie e nei costumi ed esasperato nella messa in scena. La questione qui è solo una: che ci fa un film così in concorso a Cannes? La pellicola è stata prodotta dalla HBO e negli States andrà on air già il 26 maggio. Sembra che in Italia salterà la distribuzione cinematografica, ma anche Sky non ha ancora acquistato i diritti avendo trovato il tema e il modo in cui è trattato inadatto agli standard italiani. Chi vuole recuperarlo, sa come fare.
Film del pomeriggio Grigris, quello dell’africano Mahamat-Saleh Haroun che fino a poche ore fa era dato per vincitore dai bookmakers internazionali. Vai a fidarti di questi giocatori d’azzardo… Il film è fortunatamente breve, e praticamente privo di intreccio. Grigris è il soprannome di Souleymane, che vuole diventare ballerino nonostante la gamba atrofizzata. Quando lo zio-padre si ammala lui si affilia a dei trafficanti di petrolio. È un ragazzo onesto, ma per fuggire via con la sua nuova fidanzata sottrae un carico di taniche. Le donne del villaggio dove si rifugia con la ragazza incinta gli daranno una mano a chiudere col passato. Non sufficientemente intenso da coinvolgere lo spettatore, non abbastanza tipico da poter essere una valida indagine antropologica. E non visivamente di particolare bellezza. Nessun dettaglio che gli renda delle caratteristiche tali da potersi distinguere da altri prodotti, a parte il fatto che è girato in Africa con un cast di soli africani. Certo, è fatto bene. È pulito. Ma oltre a una nota i merito al protagonista che praticamente fa la parte di se stesso e per questo è perfettamente a suo agio, non c’è nulla da aggiungere. Speriamo che non vinca e aspettiamo una sorpresa che alzi le sorti di un concorso un pochino piatto.

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • manda

    Sempre più chance per l’Italia… Speriamo bene…