Cannes Updates: ecco tutti i premi. Festival salomonico, vincono tutti ma non vince nessuno: Palma d’Oro ad Abdellatif Kechichè, e Sorrentino resta a secco

La vie d’Adèle – Chapitre 1 & 2 (Blue is the warmest colour), diretto da Abdellatif Kechichè, vince la Palma d’Oro 2013. Questo è il dato più importante. Al momento di ritirare il premio da Uma Thurman Kechichè ha ringraziato i giovani francesi che gli hanno insegnato la speranza nella libertà: e ha ricordato i […]

Palma d'Oro ad Abdellatif Kechichè

La vie d’Adèle – Chapitre 1 & 2 (Blue is the warmest colour), diretto da Abdellatif Kechichè, vince la Palma d’Oro 2013. Questo è il dato più importante. Al momento di ritirare il premio da Uma Thurman Kechichè ha ringraziato i giovani francesi che gli hanno insegnato la speranza nella libertà: e ha ricordato i tunisini rivoluzionari che ancora devono imparare ad esprimere se stessi liberamente. Il Gran Premio della Giuria è andato ai fratelli Coen per Inside LLewyn Davis, con nostra grande felicità. Miglior regista (e questa è la vera sorpresa) Amat Escalante per Heli. Miglior sceneggiatura è risultata quella di Jia Zhanke per A Touch of Sin. Anche questo era stato previsto. Miglior attrice Berenice Bejo, che così riscatta il premio perso nell’anno di The Artist, per The Past di Asghar Farhadi. Miglior attore Bruce Dern in Nebraska di Alexander Payne. E qui c’è lo zampino di Spielberg. Premio della giuria al giapponese Like Father, Like Son di Kore Eda Hirokazu. L’avevamo detto. Infine un premio tecnico minore per Grigris dell’africano Mahamat- Saleh Haroun.
Va in bianco Sorrentino, ma noi eravamo concordi sul fatto che il suo film pur avendo alcuni punti interessanti (il trailer in realtà contiene tutto e il resto funge solo da riempitivo), non era meritevole di una menzione. Fuori dal Palmares non bisogna dimenticare Valeria Golino, che ha ottenuto un riconoscimento speciale per Miele dalla giuria ecumenica, e la menzione ad Adriano Valerio per il cortometraggio 37° 4S. Sembra a conti fatti che i premi siano andati un po’ dispersi. Nel senso che non essendoci stata un’opera che ha convinto tutti all’unanimità, i riconoscimenti sono stati equamente ripartiti tra quei film che anche a noi erano sembrati più papabili, con un compromesso tra i giurati che hanno deciso a tavolino quale fosse il premio più adatto per ogni film che andava premiato. Detto ciò ancora non è chiaro il premio a Grigris, ma non vorremmo avere la presunzione di comprendere dall’esterno della giuria quali equilibri politici e perchè andavano rispettati. Di certo la selezione di quest’anno, che prometteva fuochi d’artificio, non è stata incisiva come delle annate precedenti, e se per il 66° Festival di Cannes ci ricorderemo dei fuochi, sarà solo per quelli pirotecnici offerti da Baz Luhrman nella serata d’apertura. A prescindere da Gatsby.

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • manda

    Troppo tosta questa Polidoro… Non sbaglia un colpo!!!