Biennale Updates: ombre e tessuti per il Padiglione Azerbaijan e per il focus sull’arte tra Caucaso e Medio Oriente all’Arsenale Nord. Nelle creazioni di Farid Radulov e Fahrad Moshiri una orgogliosa dichiarazione di identità

Ha cullato la propria cultura per decenni, proteggendola con orgoglio dalla massificazione di un regime che costruiva il consenso sulla legge dei numeri, dell’appiattimento, dell’uguaglianza forzosa. Una coscienza identitaria fortissima quella dell’Azerbaijan – e lo stesso si può dire per molte altre repubbliche caucasiche – che ha permesso al Paese di resettare con un apparente […]

I tappeti di Fahrad Moshiri

Ha cullato la propria cultura per decenni, proteggendola con orgoglio dalla massificazione di un regime che costruiva il consenso sulla legge dei numeri, dell’appiattimento, dell’uguaglianza forzosa. Una coscienza identitaria fortissima quella dell’Azerbaijan – e lo stesso si può dire per molte altre repubbliche caucasiche – che ha permesso al Paese di resettare con un apparente colpo di spugna la lunga parentesi sovietica ed evitare l’ebbrezza da libertà che ha rovinosamente colpito altre aree, oggi pantomima kitsch del capitalismo più sfrenato. Sorprende in positivo la partecipazione del piccolo Paese alla Biennale: sia nel Padiglione accolto a Palazzo Lezze, sia in Love me, love me not, collettiva che all’Arsenale Nord sonda la scena di una macroarea che abbraccia Turchia, Iran e dintorni, quasi seguisse idealmente uno degli itinerari mistici di Gurdjieff.
Un’espressività istintiva, a volte struggente nella sua limpida didascalia, reazione stupefacente a una cultura – quella islamica – profondamente aniconica: i media privilegiati sono quelli della tradizione popolare, con la tessitura elevata a sublime forma d’arte – l’Afghanistan di Alighiero Boetti non è troppo distante – e il gioco sensuale delle ombre a creare effetti di intima magia. Farid Radulov deve avere in mente Rudolf Stingel quando paluda un intero ambiente di tappeti, rivestendo pareti e suppellettili di sgargianti panni a trame geometriche. Una riuscita formulazione glocal: perché se la forma è eminentemente caucasica il mobilio risponde al cliché della tipica casa occidentale, con tanto di schermo al plasma, opportunamente imbavagliato nella tela. Hanno dimensioni più vicine ai tappeti da preghiera, invece, quelli impilati da Fahrad Moshiri, che compie un processo diametralmente opposto: non è l’Oriente a invadere l’Occidente ma vice versa, attraverso la riproduzione delle versioni locali di magazine su gossip e dintorni. Una vera e propria trasfusione di mitologia consumistica – che c’azzecca Madonna, da queste parti?

Aggirarsi tra le pieghe del Padiglione Azerbaijan è come leggere la biografia del Mullah Omar scritta da Massimo Fini: si percepisce davvero una natura altra, aliena al modo di vedere di un Occidente che pretenderebbe, da questi Paesi, una coscienza forse più critica, attenta alle contraddizioni di una politica autoritaria e un’economia viziata da opacità. L’impressione è che, invece, l’anima di queste terre sia magnificamente impermeabile, impenetrabile, tenacemente ed eroicamente stretta a un passato mitico. Impossibile da scalfire.

– Francesco Sala


CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.