Biennale Updates: il Bestiario Contemporaneo di Cattelan, Migliora, Vascellari & C. Foto e video dalla mostra al Museo di Storia Naturale di Venezia

I più a loro agio? Certamente i famosi “Musicanti di Brema”, di Maurizio Cattelan: cinque animali tassidermizzati, circondati da molti “colleghi” che ne condividerono la sorte. Già, perché la mostra di cui parliamo – una di quelle che il circuito MuVe inaugura proprio in questi giorni di vernice biennalesca – è allestita in quella vera […]

I più a loro agio? Certamente i famosi “Musicanti di Brema”, di Maurizio Cattelan: cinque animali tassidermizzati, circondati da molti “colleghi” che ne condividerono la sorte. Già, perché la mostra di cui parliamo – una di quelle che il circuito MuVe inaugura proprio in questi giorni di vernice biennalesca – è allestita in quella vera perla museografica che è il Museo di Storia Naturale di Venezia. Il titolo è Bestiario Contemporaneo, seguito dalla specificazione Fra arte e scienze, artisti italiani della collezione ACACIA: ed è proprio l’associazione milanese – la cui presidente Gemma De Angelis Testa cura la mostra assieme a Giorgio Verzotti – a promuovere l’allestimento di questa sorta di wunderkammer multidisciplinare e trans generazionale.

Un’indagine sul rapporto fra arte-scienza e arte-natura, dove opere spesso storiche di artisti come Roberto Cuoghi, Marzia Migliora, Adrian Paci, Sabrina Mezzaqui, Nico Vascellari, Francesco Vezzoli, sono allestite in dialogo con i “naturalia” della collezione museale. Consiglio: non ve la perdete, fra un padiglione e l’altro, un’esperienza diversa e molto sensoriale. Una prima idea, ve la fate con il video e la fotogallery…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.