Biennale Updates: alla Kunsthalle di Venezia. La Fondazione Prada replica a Ca’ Corner della Regina la storica mostra “When Attitudes Become Form”, allestita nel 1969 a Berna: ecco foto e video

Funziona, la macchina del tempo? Possono manovrarla, con quasi cinquant’anni di mezzo, due critici tanto prestigiosi quanto diversi fra loro? Ed è virtuoso, il transfert filosofico-creativo, con protagonisti che da giovani più o meno esordienti, si ritrovano in una replica anastatica del medesimo evento, ma ormai da stelle consegnate al firmamento artistico? Risposte a queste […]

When Attitudes Become Form, Bern 1969-Venice 2013, Fondazione Prada, Ca’ Corner della Regina, Venezia

Funziona, la macchina del tempo? Possono manovrarla, con quasi cinquant’anni di mezzo, due critici tanto prestigiosi quanto diversi fra loro? Ed è virtuoso, il transfert filosofico-creativo, con protagonisti che da giovani più o meno esordienti, si ritrovano in una replica anastatica del medesimo evento, ma ormai da stelle consegnate al firmamento artistico? Risposte a queste domande vengono da Ca’ Corner della Regina, dove la Fondazione Prada propone la riedizione della storica mostra Live in Your Head. When Attitudes Become Form, ideata da Harald Szeemann alla Kunsthalle di Berna nel 1969.

Oggi il curatore è Germano Celant, i protagonisti tornano con aderenza filologica – da Joseph Beuys ad Alighiero Boetti, da Bruce Nauman a Carl Andre -, con un allestimento che rispetta puntigliosissimamente quello originale, fin nelle scelte grafiche: unico stacco – molto forte – quello della location, dalle pareti bianche di un museo ai saloni dell’antico palazzo veneziano. Risultato? Qualcosa lo potete iniziare a vedere dal video e dalla fotogallery…

Massimo Mattioli

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.