Al via a Cesena F.A.C.K.2, secondo Forum di Arte e Cultura Kontemporanea. Concerti, dibattiti, installazioni, laboratori, performance. Ripensando a Brecht

“F.A.C.K. è una piattaforma, un contenitore temporaneo di idee e pratiche artistiche, autoprodotto e autogestito, che vuole  sperimentare modelli alternativi di organizzazione nelle arti contemporanee performative e visuali, per interrogarsi riguardo al sistema dell’arte oggi, ai cambiamenti sociali in atto, a come posizionarsi in quanto artisti nella crisi trasversale attuale”. È con questa esplicita dichiarazione […]

PaolaBianchi, Scoreforfive - foto Roberta Perrone

F.A.C.K. è una piattaforma, un contenitore temporaneo di idee e pratiche artistiche, autoprodotto e autogestito, che vuole  sperimentare modelli alternativi di organizzazione nelle arti contemporanee performative e visuali, per interrogarsi riguardo al sistema dell’arte oggi, ai cambiamenti sociali in atto, a come posizionarsi in quanto artisti nella crisi trasversale attuale”. È con questa esplicita dichiarazione che viene presentato il secondo episodio pubblico del Forum di Arte e Cultura Kontemporanea, che si svolgerà dal 25 maggio al 2 giugno a Cesena e Gambettola. Un percorso che si esplica attraverso la pratica artistica ma anche momenti di discussione e di confronto collettivo: F.A.C.K. scommette sul potenziale dell’iniziativa diretta, della partecipazione e delle relazioni personali, motori di produzione culturale anche al di fuori dei sistemi ufficiali. E lo fa innescando dinamiche nuove, opposte alle tradizioni forme collaborative di taglio verticale, connesse ai tradizionali meccanismi di potere. Tanti gli artisti e gli studiosi che hanno contribuito a realizzare una concreta proposta politica e multiforme. Di particolare interesse alcune tra le performance in programma: Hamletmachine di Heiner Müller, dramma condiviso da Fiorenza Menni, Federica Falancia e Alessandro Gulino; Hidden Session #14, a cura di Nhandan Chirco, Branko Popovic e Alberto Fiori; Scoreforfive di e con Paola Bianchi e Pay me not to act / l’attore intimidatorio a cura di Matteo Garattoni. Completano la programmazione numerosi concerti, dibattiti, film, incontri, installazioni, laboratori e video, ospitati in diversi spazi della città. Gli organizzatori pongono esplicitamente alla base del loro agire una riflessione di Bertolt Brecht: “Ci si domanda costantemente se un’opera sia ‘buona’ per il sistema dell’arte. Ci si chiede mai se il sistema sia ‘buono’ per l’arte?”.

Michele Pascarella

www.fackfestival.blogspot.it

CONDIVIDI
Michele Pascarella
Dal 1992 si occupa di teatro contemporaneo e tecniche di narrazione sotto la guida di noti maestri ravennati. Dal 2010 è studioso di arti performative, interessandosi in particolare delle rivoluzioni del Novecento e delle contaminazioni fra le diverse pratiche artistiche.