Salone Updates: non siete riusciti a trovare lo Speciale Salone 2013 di Artribune? Vero, è andato letteralmente a ruba. E allora ecco la versione da sfogliare online…

Potevate prendere la vostra copia la prima sera, lunedì 8 aprile, all’inaugurazione della mostra Bla, Bla. Discussione virtuale, alla Fabbrica del Vapore, o passare il giorno dopo presso l’Appartamento Lago in Brera. Sia Superstudio di via Tortona che Superstudio 13 di via Forcella erano ampiamente riforniti. In zona Isola, presso il Poli.design o ancora in […]

Potevate prendere la vostra copia la prima sera, lunedì 8 aprile, all’inaugurazione della mostra Bla, Bla. Discussione virtuale, alla Fabbrica del Vapore, o passare il giorno dopo presso l’Appartamento Lago in Brera. Sia Superstudio di via Tortona che Superstudio 13 di via Forcella erano ampiamente riforniti. In zona Isola, presso il Poli.design o ancora in diversi punti strategici della città. Persino il nuovissimo distretto Sarpi Bridge è diventato subito distributore. Insomma avete avuto tante occasioni, per ritirare la vostra copia dello Speciale Salone 2013 di Artribune, ma non è colpa vostra se non lo avete trovato: perché è andato a ruba.
La Fabbrica del Vapore – per dire – ha finito tutte le copie in una sola serata. Sarà per la cover d’artista firmata dal designer Duilio Forte, sarà per i tanti approfondimenti e i punti di vista diversi sul design, o perché non abbiamo voluto offrirvi le classiche guide che si trovano in giro, ma un ventaglio inedito di contenuti. Soddisfatti del successo che ha avuto la seconda edizione dello Speciale Salone 2013 vi rassicuriamo: non temete, potete ancora leggere il numero con calma, terminata la frenesia del salone, comodamente da casa e online grazie alla versione pdf e issuu. Buona lettura con gli allegati…

– Valia Barriello

Sfoglia lo speciale con Issuu
Sfoglia lo speciale in PDF

CONDIVIDI
Valia Barriello
Valia Barriello, architetto e ricercatrice in design, si laurea nel 2005 presso il Politecnico di Milano, Facoltà di Architettura, con la tesi "Una rete monumentale invisibile. Milano città d'arte? Sogno Possibile". Inizia l’attività professionale collaborando con diversi studi milanesi di architettura fino a che la passione per gli oggetti quotidiani e il saper fare con mano la spingono verso il design e verso il mare. Inizia così un dottorato in Design presso la facoltà di Architettura di Genova che consegue nel 2011 con la tesi di ricerca "Design Democratico". La stessa passione la porta anche alla scrittura che svolge per diverse testate del settore e all’allestimento e curatela di mostre di design. Porta avanti contestualmente all'attività professionale la ricerca sui temi che ruotano intorno al design democratico all'autoproduzione e all'utilizzo di materiali di scarto. Attualmente lavora presso uno studio milanese, collabora con la NABA come assistente del designer Paolo Ulian e cura la rubrica di design per Artribune.