Salone Updates: arredi, occhiali, gioielli, naturali ed ecofriendly. Da Riva1920 a Colico, c’è tutto un mondo attorno al design del legno

È un grosso cavallo che ricorda l’antenato troiano quello che incombe all’ingresso del padiglione 6 del Salone del Mobile. Il legno è di cedro e profuma l’ambiente attorno allo stand di Riva1920, azienda che nella propria policy ha deciso il rispetto dell’ambiente, usando alberi caduti naturalmente o comunque impiegando materiali coinvolti in progetti di riforestazione, […]

È un grosso cavallo che ricorda l’antenato troiano quello che incombe all’ingresso del padiglione 6 del Salone del Mobile. Il legno è di cedro e profuma l’ambiente attorno allo stand di Riva1920, azienda che nella propria policy ha deciso il rispetto dell’ambiente, usando alberi caduti naturalmente o comunque impiegando materiali coinvolti in progetti di riforestazione, consentendo un impatto zero pur nella produzione su vasta scala. Arredamento, certo, ma le tavole possono diventare anche occhiali, gioielli e naturalmente oggetti ad alto tasso creativo.
Così, girando in fiera, molti sono i segnali che vanno in direzione del rispetto dell’ambiente, dai materiali naturali e dalle tecniche artigianali di D3CO al legno certificato fsc di Colico Design. Ma non solo, a Milano, tra sculture appena abbozzate e tavolini ricavati da sezioni di tronchi, quest’anno il legno è ospite d’onore: con il Forum Legno Arredo, polo di produzione, di ricerca di applicazione di nuove tecnologie per nuove forme, ma soprattutto di formazione di giovani aspiranti artigiani…

– Marta Santacatterina

CONDIVIDI
Marta Santacatterina
Marta Santacatterina è giornalista pubblicista e dottore di ricerca in Storia dell'arte, titolo conseguito presso l'Università degli Studi di Parma. È editor freelance per conto di varie case editrici e, dal 2015, ricopre il ruolo di direttore sia di Fermoeditore sia della rivista online della stessa casa editrice, "fermomag", sulla quale cura in particolare le rubriche dedicate all'arte e alle mostre. Collabora con "Artribune" fin dalla nascita della rivista, nel 2011.