Ospiti nelle case di Siena. Gli artisti di RSVP espongono dentro appartamenti privati. Ricordando Jan Hoet e le sue Chambres d’Amis di ventissette anni fa…

Répondez, s’il vous plaît. Ovvero: RSVP, classico acronimo che accompagna ogni invito formale. Che poi è anche il nome di un progetto pensato per la città di Siena da un gruppo di senesi appassionati d’arte, con il coordinamento della Galleria FuoriCampo. L’idea? Semplice ma efficace, ai fini del coinvolgimento di un pubblico generico, il più […]

RSVP, presentazione - foto Carlo Guerrini

Répondez, s’il vous plaît. Ovvero: RSVP, classico acronimo che accompagna ogni invito formale. Che poi è anche il nome di un progetto pensato per la città di Siena da un gruppo di senesi appassionati d’arte, con il coordinamento della Galleria FuoriCampo. L’idea? Semplice ma efficace, ai fini del coinvolgimento di un pubblico generico, il più ampio possibile: l’arte contemporanea esce dai luoghi deputati e arriva negli appartamenti privati di alcuni cittadini, spazi intimi, personali, con cui gli artisti interagiscono stabilendo un contatto con atmosfere, oggetti, ambienti domestici.
A ispirare RSVP è la mostra curata da Jan Hoet nel 1986 a Gand, Chambres d’Amis, un progetto che puntava all’identificazione di luoghi “altri”, insoliti, capaci di accreditare l’arte fuori dal recinto “sacro” del museo, per tramutarla in evento inatteso, esploso nel mezzo del quotidiano: gli artisti, come ospiti imprevisti, installavano i loro lavori all’interno di “stanze di amici”, nelle case di chi desiderava accoglierli.

RSVP, presentazione - foto Carlo Guerrini
RSVP, presentazione – foto Carlo Guerrini

E, restando in ambito italiano, è nell’esperienza lanciata anni fa dal critico Alberto Mugnaini, nel suo studio di Milano, che RSVP trova un possibile precedente. Tanto che, all’evento di presentazione, tenutosi in casa della collezionista Lucia Cresti, c’era proprio Mugnaini a introdurre il progetto. Una specie di passaggio del testimone: “Quel mio studio” ha commentato, “era la casa dove abitavo, ma che volevo vitalizzare con opere d’arte che interagissero con il mio vissuto e con i segni lasciati dal mio abitare, e allo stesso modo vi facessero passare un’espressione dell’attuale ricerca. Era un tentativo – come lo è questo –
di abitare l’arte, superando la dimensione ingessata e gelida della visita in galleria”. RSVP, che nasce dall’esigenza di rilanciare un territorio a partire dalla cultura e dalle eccellenze creative locali, trova il sostegno del Comitato per la Candidatura di Siena a Capitale Europea della Cultura 2019 e del suo direttore, Pier Luigi Sacco. Il programma si svolgerà, con diversi appuntamenti, tra aprile e dicembre 2013.

– Helga Marsala

www.rsvp-contemporanea.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Rosario

    Chambres d’amis di Jan Hoet a Gent è del 1986, quindi 27 anni fa e non 17 come scrivete nel titolo