Milano Updates: da Piero Gilardi allo stand Enrico Astuni a Giuseppe Gabellone da Zero, ecco tutti gli acquisti a Miart della Fondazione Fiera Milano

Piero Gilardi da Enrico Astuni, Dadamaino da Dep Art, Giuseppe Gabellone da Zero, Valerie Snobeck da Essex Street, Barbara Kasten da Mary Mary e Navid Nuur da Plan B. Equamente distribuite, tre artisti italiani da gallerie italiane, tre artisti stranieri da gallerie straniere. Sono queste le acquisizioni effettuate a Miart dalla Fondazione Fiera Milano, opere […]

Piero Gilardi - Enrico Astuni

Piero Gilardi da Enrico Astuni, Dadamaino da Dep Art, Giuseppe Gabellone da Zero, Valerie Snobeck da Essex Street, Barbara Kasten da Mary Mary e Navid Nuur da Plan B. Equamente distribuite, tre artisti italiani da gallerie italiane, tre artisti stranieri da gallerie straniere. Sono queste le acquisizioni effettuate a Miart dalla Fondazione Fiera Milano, opere che andranno ad arricchire la collezione intitolata al Presidente Giampiero Cantoni dopo la sua prematura scomparsa.
Le opere acquistate dal Fondo saranno custodite, unitamente a quelle acquisite durante l’edizione 2012 di Miart, nella palazzina degli Orafi di largo Domodossola, sede di Fondazione Fiera Milano. La selezione delle opere acquistate dal Fondo è stata curata da una Giuria composta da Sabine Folie, direttrice della Generali Foundation di Vienna; Francesco Stocchi, curatore del Museum Boijmans Van Beuningen di Rotterdam; Nicolas Trembley, critico d’arte e curatore della Syz Collection, Parigi-Ginevra. Nella gallery, le sei opere acquisite…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.