Milano Updates: alla fine della fiera, arrivano le imperdibili videointerviste ai galleristi. Stavolta su Artribune la parola va agli ospiti stranieri…

Peres Project, Mathew Gallery, Isabella Bortolozzi, tutte di Berlino. E poi Gavlak Gallery da Palm Beach, Gallery on the move da Tirana, Galerie VidalCuglietta da Bruxelles: sono loro i testimonial chiamati a dare la versione più attendibile di com’è andata – a conti fatti – questa edizione 2013 di Miart. Vi colpisce qualcosa? Sì, sono […]

Peres Project, Mathew Gallery, Isabella Bortolozzi, tutte di Berlino. E poi Gavlak Gallery da Palm Beach, Gallery on the move da Tirana, Galerie VidalCuglietta da Bruxelles: sono loro i testimonial chiamati a dare la versione più attendibile di com’è andata – a conti fatti – questa edizione 2013 di Miart. Vi colpisce qualcosa? Sì, sono tutti stranieri: in una fiera che molti descrivono come “molto milanese”, abbiamo voluto offrire i microfoni a quanti possano offrire una riflessione distaccata della rassegna: com’è andata? Qual è il carattere precipuo di Miart? Tornerete il prossimo anno? Ecco cosa ci hanno detto nelle videointerviste…

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • enrico sala

    …..buono, ….nell’insieme una bella esperienza, ….bravi mousse, ….importanti le altre gallerie presenti, ….speriamo nel prossimo anno….
    Che commenti miseri e poco convinti!
    Riassumendoli e mettendoli assieme ai commenti off-record, ci si rende conto come nessuno sia molto convinto. Dire poi che “è molto meglio delle edizioni precedenti” sembra quasi denigratorio. Vista la scontatezza dell’affermazione è un falso complimento….praticamente è una frase di circostanza.