Lo Strillone: Ferrara, amara terra mia! Vittorio Sgarbi su Quotidiano Nazionale lamenta lo stallo nella costruzione del nuovo museo ebraico. E poi Cattelan venduto per un milione di dollari in Qatar, alberi da museo nell’agro romano, Manet conquista Venezia…

Ferrara città ingrata: così Vittorio Sgarbi dalle colonne del Quotidiano Nazionale. Strali contro la terra natia, colpevole di tarpare le ali alla nascita del Museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah. Maxi operazione dei carabinieri su Libero: tra tele e reperti archeologici vale intorno ai 35milioni di euro la refurtiva recuperata tra Roma e provincia. […]

Quotidiani
Quotidiani

Ferrara città ingrata: così Vittorio Sgarbi dalle colonne del Quotidiano Nazionale. Strali contro la terra natia, colpevole di tarpare le ali alla nascita del Museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah. Maxi operazione dei carabinieri su Libero: tra tele e reperti archeologici vale intorno ai 35milioni di euro la refurtiva recuperata tra Roma e provincia.

L’uomo da un milione di dollari? È Maurizio Cattelan: tanto vale su La Stampa il suo Andreas e Mattia, battuto all’asta di Sotheby’s in Qatar. Italia Oggi a Parigi: apre a giorni il Salone Internazionale del Libro Antico, novità nel campo del restauro degli incunaboli, con la restituzione delle straordinarie iridescenze delle miniature medievali.

Tutti pazzi per Manet a Venezia: la mostra presentata su Il Giornale e nella consueta lenzuolata promozionale su Corriere della Sera. Non è in un museo ma a cielo aperto l’esposizione che suggerisce oggi L’Unità: oltre centocinquanta gli alberi rari censiti nelle campagne romane, autentici cimeli di una natura in declino che diventano feticcio per il turismo green e slow.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.