Invasioni Digitali. Ovvero come tentare di promuovere il grande&piccolo patrimonio culturale italiano stringendo in mano un telefonino

Smartphone, macchine fotografiche, videocamere. Queste le armi che saranno impiegate per l’invasione senza precedenti che il Bel Paese si appresta a vivere. Da sabato 20 a domenica 28 aprile blogger, instagramer, appassionati di fotografia e chiunque possieda un profilo sui principali social network potrà aderire alle Invasioni Digitali, progetto pensato per la promozione, diffusione e […]

Smartphone, macchine fotografiche, videocamere. Queste le armi che saranno impiegate per l’invasione senza precedenti che il Bel Paese si appresta a vivere. Da sabato 20 a domenica 28 aprile blogger, instagramer, appassionati di fotografia e chiunque possieda un profilo sui principali social network potrà aderire alle Invasioni Digitali, progetto pensato per la promozione, diffusione e fruizione del patrimonio culturale italiano attraverso internet.
Ideato da Fabrizio Todisco, con la rete di travel blogger italiani di #iofacciorete, Officina turistica, Instagramers (la community italiana di Instagram) e l’Associazione Nazionale Piccoli Musei, Invasioni Digitali si articola in una serie di mini-eventi, le invasioni appunto: sarà sufficiente presentarsi in un museo, luogo d’arte o cultura aderente all’iniziativa, secondo gli orari concordati, prendere parte alla visita o al mini-tour in programma e realizzare contenuti digitali da condividere tramite il hashtag #invasionidigitali. Immagini e video realizzati confluiranno sul portale invasionidigitali.it, restituendo una mappatura inedita e in tempo reale di un vasto numero di siti artistici e culturali d’Italia, con particolare riguardo per quelli di dimensioni contenute o ubicati in destinazioni al di fuori dei circuiti turistici maggiori.
Qualche esempio? Appuntamento sabato 27 aprile, ore 10.30, alla Tipoteca Italiana di Cornuda (Treviso), dove la blogger Silvia Benedet ha organizzato l’invasione-visita guidata all’interno di questo museo dedicato alla tipografia e all’arte del libro: ingresso gratuito per gli iscritti all’evento che saranno invitati a raccontare via web la loro esperienza tra macchine in ghisa e font. E ancora, domenica 28 aprile, dalle 4 di pomeriggio, il centro storico di Cariati (Cosenza) sarà invaso a cura di Dreamingsouth.it, così come quello di Perugia, da scoprire grazie a The Nooks & Crannies Tour domenica 21 aprile, a partire dalle 11.00. Per aderire al manifesto, partecipare ad una o più iniziative in programma e dare il proprio contributo via Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest o Youtube, info sul sito: dove c’è anche il programma dettagliato e aggiornato…

– Valentina Silvestrini

www.invasionidigitali.it

CONDIVIDI
Valentina Silvestrini
Architetto con specializzazione in allestimento e museografia, si è formata presso l’Università La Sapienza e la Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha frequentato il "Corso di alta formazione e specializzazione in museografia". Ha intrapreso il proprio percorso professionale in parallelo con gli studi, occupandosi di allestimenti museali, fieristici ed eventi.​ ​È stata assistente alla progettazione di mostre presso lo studio “Il Laboratorio srl” (Roma, 2004/2007); ha svolto un internship all’ufficio Eventi Speciali di Pitti Immagine srl (Firenze, 2008). All’ICE - Istituto nazionale per il Commercio Estero (Roma, 2008/2010) ha ricoperto il ruolo di assistente alla progettazione di layout espositivi e alla direzione lavori, recandosi in centri espositivi ​in Giappone, Russia e Germania. ​Ha curato il coordinamento eventi e ​la​​​ comunicazione​ della FUA - Fondazione Umbra per l’Architettura (Perugia, 2011)​.​ ​​​​​Ha scritto e scrive per ​Abitare, ​abitare.it, ​domusweb.it, ​Living, Klat, Icon Design, Grazia Casa e Cosebelle Magazine, di cui è caporedattrice design.​ ​Dal 2012 collabora con Artribune​.​