Apre a Pesaro io nuovo spazio Bag – Photo Art Gallery: il racconto della mostra di debutto in tante immagini dall’opening. Fra fotografia e architettura…

“Ricercare nuovi ritmi, nuove visioni, con un cuore pulsante che sviluppa eventi speciali”. Ed il primo è speciale fin dal titolo in greco, εκλεκτικός (Eklekticos), mostra di fotografia che vuole proporre attraverso le opere dei cinque artisti presenti “una sofisticata ed approfondita incursione sovrastrutturale rispetto all’elemento architettonico dato”. Queste le credenziali con le quali si […]

Ricercare nuovi ritmi, nuove visioni, con un cuore pulsante che sviluppa eventi speciali”. Ed il primo è speciale fin dal titolo in greco, εκλεκτικός (Eklekticos), mostra di fotografia che vuole proporre attraverso le opere dei cinque artisti presenti “una sofisticata ed approfondita incursione sovrastrutturale rispetto all’elemento architettonico dato”. Queste le credenziali con le quali si presenta al debutto Bag – Photo Art Gallery, nuovo spazio espositivo pesarese inaugurato nei giorni scorsi.
Curata da Christina Magnanelli Weitensfelder e Alberto Zanchetta, la mostra scandaglia il mondo della fotografia italiana attraverso opere – fotografiche ma anche video – accumunate “dall’assoluta fermezza dello scatto nei confronti dell’arresto temporale”. I protagonisti? Da Andrea Morucchio a Giovanni Marinelli, Samuele Galeotti, Enrico Savi, Francesco Nonino. Le opere esposte, le vedete nella gallery, assieme ai nuovi spazi di Bag…

www.bildungartgallery.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.