Venti artisti italiani, ambasciatori in America latina. Da Alis/Filliol a Danilo Correale: arriva a Buenos Aires, e nella nostra fotogallery, la mostra itinerante “Venti per Una”

Venti artisti, uno per regione. Che hanno lavorato sulle tematiche “della cultura regionale e nazionale italiana, dell’identità e della cittadinanza, in un mondo ormai definitivamente globalizzato”. Risultato? La mostra Venti per Una, che prova – timidamente, ma con risultati forti – a smentire il refrain che le istituzioni non fanno nulla per promuovere l’arte italiana […]

Venti artisti, uno per regione. Che hanno lavorato sulle tematiche “della cultura regionale e nazionale italiana, dell’identità e della cittadinanza, in un mondo ormai definitivamente globalizzato”. Risultato? La mostra Venti per Una, che prova – timidamente, ma con risultati forti – a smentire il refrain che le istituzioni non fanno nulla per promuovere l’arte italiana oltreconfine. E qui invece il confine si supera di parecchio, se è vero che l’esposizione itinerante approda ora a Buenos Aires dopo due altre tappe argentine, a La Plata e Cordoba, per poi passare in Uruguay.
Paesi che dall’Italia hanno ereditato non solo usi e costumi, ma anche una parte sostanziale delle proprie stesse identità nazionali e di quelle regionali che le compongono. ideata e prodotta dall’Istituto Garuzzo per le Arti Visive – IGAV nel 2012 per la Castiglia di Saluzzo nella primavera 2012, la mostra si avvale del contributo del Ministero degli Esteri, partner principale del progetto, con il Patrocinio del Ministero per i Beni Culturali, della Regione Piemonte  e della Città di Torino.
Gli artisti coinvolti? Da Alis/Filliol a Matteo Attruia, /barbaragurrieri/group, Eleonora Beddini e Andrea Nevi, Claudio Beorchia, Marco Bernardi, Pietro Mancini, Danilo Correale, Valentina Ferrandes, Dario Ghibaudo, Nazzareno Guglielmi, Claudia Losi, Mariella Manconi, Chicco Margaroli, Franco Menicagli, Andrea Nicodemo, Paride Petrei, Agnese Purgatorio, Christian Tripodina, Wolfgang Zingerle. A Buenos Aires la mostra resta aperta fino al 14 aprile al Centro Cultural Borges: noi abbiamo una ricca gallery con foto di opere e allestimenti…

www.igav-art.org