Nomen omen. Paolo Icaro spicca il volo verso l’iperuranio: spazio delle idee, che non dimentica il gesto e il corpo. A Milano, per i Martedì Critici

Immagini di gravità e di leggerezza, di materia ed astrazione, di misura e dismisura. Sintetiche ed essenziali, le opere di Paolo Icaro, nato a Torino nel 1936, raccontano una storia di relazioni instabili tra il corpo e lo spazio, le geometrie e i luoghi. Dopo il debutto romano e dopo un’esperienza newyorchese, Icaro arriva a Genova, […]

Immagini di gravità e di leggerezza, di materia ed astrazione, di misura e dismisura. Sintetiche ed essenziali, le opere di Paolo Icaro, nato a Torino nel 1936, raccontano una storia di relazioni instabili tra il corpo e lo spazio, le geometrie e i luoghi. Dopo il debutto romano e dopo un’esperienza newyorchese, Icaro arriva a Genova, dove partecipa alla mostra “Arte povera e IM Spazio”, curata da Germano Celant alla galleria La Bertesca. Terracotta, filo metallico, gesso, legno, carta, sono materiali che, nel suo lavoro, restituiscono la memoria del gesto creativo, portandone il peso, l’impronta. Materiali mai inerti, aperti al fluire del tempo, al mutare delle temperature, alla trasformazione di forme ed equilibri fisici.
Le sculture e le installazioni di Icaro vivono di una luce diafana, pur sperimentando una forza concettuale e una concretezza oggettuale che non tradiscono la dimensione umana. Collocandosi, con perfetti bilanciamenti, tra cielo e terra, tra balzo ideale e passo mortale, tra pensiero e respiro.
Per l’ottavo appuntamento con i Martedì Critici al Pecci di Milano, l’artista si racconta, ripercorrendo le tappe principali della sua ricerca. Mentre su Artribune Television, sempre di martedì, arriva il video dell’incontro con Marco Neri.

– Helga Marsala

26 marzo 2013
Museo Pecci – Ripa di Porta Ticinese, 113 – Milano
a cura di Alberto Dambruoso e Marco Bazzini
Ingresso libero
Orari: martedì ore 19.30-21.30
Contatti: tel 339 7535051
[email protected]
www.imartedicritici.com ; www.centropecci.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Fausto Satta

    bello, lirico, profondo, audace e allo stesso tempo modesto
    Grazie
    Fausto