Milano Updates: nel cuore di Zonatortona. Affordable Art Fair numero tre in arrivo al Superstudio Più: su Artribune parte il racconto day by day

Ma insomma, il rischio di overdose da fiere d’arte è concreto, e potrebbe provocare un rigetto non solo da parte dei visitatori, ma anche del sistema stesso? Non sembrerebbe, almeno a giudicare dall’esperienza londinese, dove l’appena conclusa Art13 – ennesima rassegna ad affollare il panorama inglese – ha al contrario destato molto interesse. Ora la […]

Affordable Art Fair Milano

Ma insomma, il rischio di overdose da fiere d’arte è concreto, e potrebbe provocare un rigetto non solo da parte dei visitatori, ma anche del sistema stesso? Non sembrerebbe, almeno a giudicare dall’esperienza londinese, dove l’appena conclusa Art13 – ennesima rassegna ad affollare il panorama inglese – ha al contrario destato molto interesse. Ora la fattispecie si ripropone sulla scena milanese, dove – un mesetto dopo il nuovo Flash Art Event, e un mesetto prima di MiArt – arriva la terza edizione di Affordable Art Fair Milano.
Una settantina le gallerie internazionali schierate dal 7 al 10 marzo al Superstudio Più, fulcro di Zonatortona, tutte assoggettate all’ormai classica formula del “per-tutte-le-tasche” che ha fatto la fortuna di AAF in tutto il mondo, con opere rigorosamente comprese nel range 100/5000 euro. Un’offerta che quest’anno si declina in diversi progetti speciali, come nel Wall Under 500, una vetrina di opere tutte sotto il tetto dei cinquecento euro. O che si veste di valenze umanitarie, come per la Art Night Out, con opere in tiratura speciale disponibili per una serata a soli trecento euro, un terzo dei quali saranno devoluti all’Associazione Italiana contro le Leucemie. A questo progetto aderiscono in particolare le gallerie Traffic Gallery (Bergamo), Movimento Arte Contemporanea (Milano), BiART Gallery (Ravenna), Studio Ambre Italia (Milano), Eidos Immagini Contemporanee (Asti), Galleria Vittoria (Roma), Fondazione Lorenzo Garaventa (Genova), Artematta (Milano).
Opening domani sera, 6 marzo: durante la serata, performance artistiche live con i vincitori della sezione Young Talents nello spazio Eberhard & Co. e nello spazio de La Repubblica XL. E poi Dj set a cura di Reset Radio, la prima web radio europea interamente di musica Creative Commons, e Wine tasting offerto dall’Azienda Bisol. Su Artribune, tanti updates quotidiani per voi….

affordableartfair.com

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.