Idea Finesettimana. L’art weekend di Pasqua in Sicilia è tra Sicicli e Modica: una personale di Johanna Billing e una collettiva curata da Antonio Arèvalo. Festa tra sacro e profano

Pasqua ragusana nel segno dell’arte contemporanea. Per il weekened l’art world si sposta sul fronte orientale di Sicilia, dividendosi tra Modica e Scicli: occasione per concedersi una gita di primavera, già al profumo di salsedine e gelsomino, nel cuore barocco dell’isola. Una personale e una collettiva, entrambe inaugurate nel pomeriggio di sabato 30 marzo. A […]

Anonimo, Cristo di Burgos, Scicli, Csan Giovanni Evangelista, olio su tela - XVII sec

Pasqua ragusana nel segno dell’arte contemporanea. Per il weekened l’art world si sposta sul fronte orientale di Sicilia, dividendosi tra Modica e Scicli: occasione per concedersi una gita di primavera, già al profumo di salsedine e gelsomino, nel cuore barocco dell’isola. Una personale e una collettiva, entrambe inaugurate nel pomeriggio di sabato 30 marzo. A Modica c’è Johanna Billing, che negli spazi della galleria La Veronica presenta il suo primo solo show italiano, a cura di Lorenzo Bruni. Accanto a un video – “I’m Gonna Live Anyhow until I Die”-, realizzato in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia ed esposto alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, anche una nuova produzione, un disco in vinile che è un omaggio al maestro (ed ex assessore) Franco Battiato. E se il video, interpretato da un gruppo di bambini a spasso per la città di Roma, è un viaggio onirico attraverso la storia e la memoria della città, con riferimenti al cinema del Neorealismo, memorie pasoliniane e incursioni nel mondo della pedagogia e della psicanalisi, l’album contiene le versioni improvvisate delle canzoni Cariocinesi e Meccanica, scritte dal cantautore siciliano per il suo concept album sperimentale Fetus – Ritorno al Mondo Nuovo, pubblicato nel ’72.

Johanna Billing, I'm Gonna Live Anyhow until I Die, 2010
Johanna Billing, I’m Gonna Live Anyhow until I Die, 2010

Tutt’altra atmosfera in quel di Scicli, dove Antonio Arèvalo ha confezionato Discipulos, per lo spazio Clang. Tra un’azione di Regina José Galindo & David Perez Karmadavis e le opere di Tiziana Cera Rosco, Giovanni Gaggia, Eva Gerd, Maddalena Mauri, Pablo Rubio Sasha Vinci conducono una riflessione tra la grande tradizione artistico-religiosa locale e l’estetica contemporanea. Punto di partenza è una tela anonima, risalente alla dominazione spagnola del ‘600 e raffigurante il Cristo di Burgos in croce: situata oggi presso la Chiesa di S. Giovanni Evangelista di Scicli, la tela viene detta del “Cristo in gonnella”, per via della veste sacerdotale indossata dal Gesù morente, lunga fino alle caviglie. Una mostra che è un momento di riflessione sulla densità spirituale del Sud Italia e le sue  radici, che rimandano al trionfo della pittura e dell’architettura sacra. Sempre passando attraverso il gioco colto delle contaminazioni, in un processo di attualizzazione linguistica di temi antichi, potentissimi.

Helga Marsala

www.gallerialaveronica.it
www.clangsite.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.