SpazioA fa il bis. La galleria di Pistoia apre anche uno spazio di ricerca. Con le personali di Giulia Cenci e Francesco Carone si festeggia la nuova fase

Era il classico magazzino di galleria, dove si conservano le opere in transito o quelle acquisite. Uno spazio semplice, senza pretese, che dopo opportuno restyling si trasforma oggi in project room. A partire da questo febbraio la pistoiese SpazioA di Giuseppe Alleruzzo raddoppia, con un nuovo ambiente espositivo che amplia e diversifica ulteriormente la proposta, spingendo ancora […]

Next SpazioA, Pistoia

Era il classico magazzino di galleria, dove si conservano le opere in transito o quelle acquisite. Uno spazio semplice, senza pretese, che dopo opportuno restyling si trasforma oggi in project room. A partire da questo febbraio la pistoiese SpazioA di Giuseppe Alleruzzo raddoppia, con un nuovo ambiente espositivo che amplia e diversifica ulteriormente la proposta, spingendo ancora verso la sperimentazione. Si chiama NextSpazioA e si trova proprio accanto alla sede principale. Minimi gli interventi, nulla di strutturale: giusto un po’ di rifiniture, pareti bianche, luce al neon diffusa e un effetto omogeneo, neutro, non invasivo rispetto ai progetti. Accogliente, più che protagonista.
E il primo lavoro ad essere accolto, sabato 2 febbraio, è Halfground di Giulia Cenci, una riflessione sullo stesso spazio e sulla sua condizione di ambiguità, di passaggio, di trasformazione. Un progetto condotto sul limite, in senso fisico e concettuale: chiaroscuri, errori, imperfezioni, innesti tra l’origine e il destino, tra l’emerso e il non visto, tra il volume e il margine, il confine e il vuoto in mezzo.
Inaugurazione anche in galleria, lo stesso giorno, con la terza personale di Francesco Carone, dal titolo Muta Bellezza. Una riflessione sul bello e il sublime, che si nutre di assenze, indefinitezze, disorientamenti. L’avventura della contemplazione è scandita da improvvisi colpi di fulmine: oggetti come opere-epifanie, afferrati nell’immediato, capaci di evocare più che di affermare; piccoli eventi di senso, forma, ritmo e stupore, purché il senso resti tacito, sommerso. Carone sceglie di puntare, come di consueto, all’evidenza del non detto: quell’emergere del segno che assomiglia a una verità possibile, penultima.

– Helga Marsala

Francesco Carone, “Muta Bellezza” / Giulia Cenci, “Halfground”
opening: 2 febbraio 2013, ore 18
SpazioA e NextSpazioA – Via Amati 13, Pistoia

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.