Lo Strillone: su La Repubblica Fuksas contro Libeskind, s’infiamma la polemica sulle archistar a servizio dei nuovi dittatori. E poi l’anteprima per Helmut Newton a Roma, Werner Herzog esordisce all’opera con Verdi e Muti, Bowie in mostra a Londra…

Chi è senza peccato scagli il primo compasso: un evangelico Massimiliano Fuksas replica, su La Repubblica, alla recente requisitoria di Daniel Libeskind. Sarà anche immorale lavorare per i nuovi dittatori dell’Asia centrale, ma non lo è da meno prestarsi a speculazioni edilizie (vedi i nuovi progetti per Milano). L’Unità vola a Londra per la mostra […]

Quotidiani
Quotidiani

Chi è senza peccato scagli il primo compasso: un evangelico Massimiliano Fuksas replica, su La Repubblica, alla recente requisitoria di Daniel Libeskind. Sarà anche immorale lavorare per i nuovi dittatori dell’Asia centrale, ma non lo è da meno prestarsi a speculazioni edilizie (vedi i nuovi progetti per Milano).

L’Unità vola a Londra per la mostra che il Victoria and Albert Museum dedica a David Bowie; Il Fatto Quotidiano a Bologna per la retrospettiva su Bas Jan Ader. Su Avvenire i programmi per le giornate che celebrano l’orgoglio dei Musei Ecclesiastici.

Helmut Newton in anteprima su La Stampa: pensieri, immagini e parole attorno alla mostra che inaugura il 6 marzo al Palazzo delle Esposizioni di Roma. E nella capitale Werner Herzog interpreta I due Foscari per il Teatro dell’Opera: su Quotidiano Nazionale le note di regia per il capolavoro verdiano.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.
  • Rosario

    Ma che Libeskind non è lui stesso un archistar?