Lo Strillone: Michelangelo a Istanbul e su La Stampa con il nuovo romanzo di Énard. E poi Galimberti in mostra a Venezia, i cinquant’anni di “8 e ½”, che fa Rebecca Horn…

Libri su La Stampa: apertura di pagina per la Zona (Rizzoli) di Mathias Énard, romanzo che porta Michelangelo sulle sponde del Bosforo; il primo piano di Corriere della Sera è per Maurizio Galimberti in mostra a Venezia. L’Unità a Firenze per la Ferrara di Boldini e De Pisis a Palazzo Pitti, e al Maxxi per […]

Quotidiani
Quotidiani

Libri su La Stampa: apertura di pagina per la Zona (Rizzoli) di Mathias Énard, romanzo che porta Michelangelo sulle sponde del Bosforo; il primo piano di Corriere della Sera è per Maurizio Galimberti in mostra a Venezia. L’Unità a Firenze per la Ferrara di Boldini e De Pisis a Palazzo Pitti, e al Maxxi per Alighiero Boetti secondo Renato Barilli.

Coccodrillo a scoppio ritardato per Gabriele Basilico su Quotidiano Nazionale, la riapertura della Cappella Rucellai su Avvenire. Save the date su Libero: restano solo tre giorni per vedersi Guttuso al Vittoriano; La Repubblica invita a Modena per Unica Fine Art Expo, fiera dell’arte antiquaria.

Subito a Berlino, presto a Torino: spazio su L’Espresso per la mostra di foto e memorabilia attorno a Martin Scorsese; cinema anche su Il Venerdì: ampio amarcord in occasione dei primi cinquant’anni di 8 e ½. I programmi futuri di Rebecca Horn, Nam June Paik in mostra a Modena e un reportage da Marsiglia, capitale Europea della Cultura: menù ricco quello offerto da Sette.

Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.