Lo Strillone: Calabresi in prima su La Stampa per ricordare gabriele Basilico. E poi l’attualità di Damien Hirst, riapre la Cappella Rucellai, gialli in e-book lanciati su L’Unità…

Della logica e doverosa serie di coccodrilli in memoria di Gabriele Basilico valgano su tutti il richiamo in prima su Corriere della Sera per il ricordo di Quintavalle, e quello su La Stampa a firma di Mario Calabresi. La miglior fotografia dell’uomo contemporaneo? Potrebbe essere il teschio diamantato di Damien Hirst. Così Andrea Dell’Asta nel […]

Quotidiani
Quotidiani

Della logica e doverosa serie di coccodrilli in memoria di Gabriele Basilico valgano su tutti il richiamo in prima su Corriere della Sera per il ricordo di Quintavalle, e quello su La Stampa a firma di Mario Calabresi. La miglior fotografia dell’uomo contemporaneo? Potrebbe essere il teschio diamantato di Damien Hirst. Così Andrea Dell’Asta nel suo elzeviro su Avvenire.

Torinese, trentadue anni, autore di un noir che si muove tra le segrete stanze del Museo Egizio… e non solo. Fabio Girelli a tutta pagina su L’Unità: felicitazioni per il suo Tutto il villaggio lo saprà, che vince il contest per giallisti lanciato dal quotidiano e diventa e-book da scaricare a prezzo calmierato.

Firenze ritrova la Cappella Rucellai: una breve su Libero per la riapertura dello scrigno che conserva il Tempietto del Santo Sepolcro di Leon Battista Alberti; su La Repubblica la restituzione delle opere sottratte dai nazisti alle famiglie ebree francesi.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.