Le private sales uccidono Haunch of Venison. Dopo sei anni e tanti investimenti, Christie’s esce dal mercato galleristico: chiudono le sedi di Londra e New York

L’avevamo scritto più volte, del sempre maggiore impatto che le private sales andavano assumendo nel bilanci delle grandi case d’asta internazionali. Ora questo trend giunge all’estremo, e conduce Christie’s ad annunciare la chiusura di Haunch of Venison, la galleria acquisita nel 2007 dai mercanti Harry Blain e Graham Southern, con due sedi, a Londra e […]

Una sala di Haunch of Venison London, con opere di Penone

L’avevamo scritto più volte, del sempre maggiore impatto che le private sales andavano assumendo nel bilanci delle grandi case d’asta internazionali. Ora questo trend giunge all’estremo, e conduce Christie’s ad annunciare la chiusura di Haunch of Venison, la galleria acquisita nel 2007 dai mercanti Harry Blain e Graham Southern, con due sedi, a Londra e a Chelsea, New York. “Le vendite private sono in crescita esponenziale, e la decisione presa è che è lì che ci si debba concentrare”, ha dichiarato a Bloomberg Emilio Steinberger, senior international director della galleria.
Un impoverimento, per il panorama galleristico globale: negli anni Haunch of Venison ha lavorato con grandi artisti come Frank Stella, Gunther Uecker, Giuseppe Penone, Patricia Piccinini, proponendo anche importanti mostre curate come Afro / Burri / Fontana. Altri grandi nomi, da Bill Viola ad Anton Henning, a Matt Collishaw, avevano invece seguito i due fondatori nella loro nuova galleria, la BlainSouthern, con sedi a Londra e Berlino.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.