Flash Art Event Updates: ABO, Amore Mio. L’innovativo progetto proposto nel 1970 a Montepulciano rivive con i giovani artisti della NABA – Nuova Accademia di Belle Arti Milano

Non molto lontani – o meglio, appena un piano sotto – dal solito can-can fieristico, che per questo Flash Art Event si celebra al Palazzo del Ghiaccio, e ch’è tutto uno stringer mani di collezionisti stravaganti, signore con tacchi a spillo e galleristi disperati, troviamo i giovani e una ventata d’aria fresca. Sono gli studenti […]

Non molto lontani – o meglio, appena un piano sotto – dal solito can-can fieristico, che per questo Flash Art Event si celebra al Palazzo del Ghiaccio, e ch’è tutto uno stringer mani di collezionisti stravaganti, signore con tacchi a spillo e galleristi disperati, troviamo i giovani e una ventata d’aria fresca. Sono gli studenti selezionati dai corsi di Pittura, Arti Visive e Sound Design della Naba, la Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, coinvolti nel progetto Amore mio, che prende le mosse dalla collettiva omonima organizzata nel 1970 a Montepulciano, in Toscana, e curata da Achille Bonito Oliva. Con l’intenzione di mappare le ultime esperienze artistiche senza alcun intervento da parte della critica, ma semplicemente lasciando gli artisti liberi di esprimersi e autopresentarsi.
Oggi i curatori si chiamano Marcello Maloberti, Igor Muroni, Arianna Rosica; nelle ore di apertura i ragazzi sono quasi tutti lì, seduti sulle scale tra di loro che ridono, scherzano o si annoiano. Guardano i visitatori senza affettazione, ancora non vendono ma studiano, provano e in quest’occasione si mettono in gioco da soli, senza alcuna mediazione critica. Lo spazio forse è un po’ dimesso, male indicato e decisamente poco illuminato, ma qui, senza quella folla che esamina i bei nomi dei corridoi al primo piano, ci sono fantasia e ingegno. L’obiettivo sembra riuscito, i lavori sono efficaci e di alcuni tra questi giovani, come Erika Striani e Gabriel Stockli, si sentirà parlare ancora…

– Michela Tornielli di Crestvolant

CONDIVIDI
Michela Tornielli di Crestvolant
Michela si laurea in storia dell’arte a Roma nel gennaio 2011 all’università Sapienza con una tesi sul movimento lettrista. Ora vive a Milano e frequenta il corso di laurea Magistrale in storia dell’arte contemporanea dell’università Cattolica del Sacro Cuore. Comincia a scrivere per il “Corriere dell’arte” occupandosi di alcuni tra i più interessanti eventi della scena culturale milanese. Impara – dopo le prime prove – le importanti regole del linguaggio giornalistico: semplicità, esattezza e sincerità. Per il futuro sogna le grandi interviste ai protagonisti del panorama artistico internazionale.