Art Digest: Ai Weiwei racconta Ai Weiwei. Il naso da clown di Damien Hirst. Direttrice grassa e pelosa: il museo licenzia

E adesso parlo io. È forse l’artista più presente sui media di tutto il mondo: ma Ai Weiwei sceglie il New York Times per dare, con una lunga intervista, la sua versione su tante cose che lo riguardano… (nytimes.com) Le mie opere? Roba da clown. Letteralmente: per sostenere Comic Relief, Damien Hirst “customizza” un’edizione limitata […]

For the Love of God customizzato da Damien Hirst

E adesso parlo io. È forse l’artista più presente sui media di tutto il mondo: ma Ai Weiwei sceglie il New York Times per dare, con una lunga intervista, la sua versione su tante cose che lo riguardano… (nytimes.com)

Le mie opere? Roba da clown. Letteralmente: per sostenere Comic Relief, Damien Hirst “customizza” un’edizione limitata di 50 litografie di For the Love of God, dotando il teschio di un naso rosso da pagliaccio… (abc.es)

È l’anno del centenario per la mitica mostra dell’Armory Show, del 1913. Negli USA non si contano le iniziative per celebrare la ricorrenza: gli Archives of American Art dello Smithsonian mette tutto in un website… (huffingtonpost.com)

Lei deve dimagrire, e si depili un po’ le sopracciglia”. Parole dette da un dirigente del Museo del Barrio, a New York, alla ormai ex direttrice Margarita Aguilar. E lei denuncia il museo per discriminazione… (eluniversal.com.mx)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.