Regalo di compleanno. Christie’s Giappone festeggia i 40 anni con una nuova sede: ed il design è affidato al grande artista Hiroshi Sugimoto

“Ricercare l’armonia come forma di rispetto”. Quasi una summa della filosofia giapponese: ed infatti è una citazione dell’ingiunzione del Principe Shotoku che apre la costituzione del regno dell’Imperatrice Suiko. E sono queste le linee concettuali alle quali si ispira la nuova sede di Christie’s Japan, che la grande casa d’aste si è regalata in occasione […]

Ricercare l’armonia come forma di rispetto”. Quasi una summa della filosofia giapponese: ed infatti è una citazione dell’ingiunzione del Principe Shotoku che apre la costituzione del regno dell’Imperatrice Suiko. E sono queste le linee concettuali alle quali si ispira la nuova sede di Christie’s Japan, che la grande casa d’aste si è regalata in occasione del quarantesimo anniversario della sua presenza nel paese del sol levante.
Autore: Hiroshi Sugimoto. E non è un’omonimia, si tratta proprio del grande artista e fotografo concettual-minimalista, che – come segnalato da Designboom – per l’occasione si è trasformato in progettista per disegnare il nuovo edificio, posizionato tra la Stazione di Tokyo ed il Palazzo Imperiale. Particolare attenzione è stata dedicata all’estetica della zona di ingresso, agli spazi espositivi e alla sala riunioni, che si affaccia proprio sul giardino esterno del Palazzo Imperiale.
Sugimoto ha mantenuto nel suo progetto la caratteristiche architettoniche della struttura originale, anche l’uso del legno e degli elementi metallici. Nella gallery, alcune immagini dei risultati…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.