Regalo di compleanno. Christie’s Giappone festeggia i 40 anni con una nuova sede: ed il design è affidato al grande artista Hiroshi Sugimoto

“Ricercare l’armonia come forma di rispetto”. Quasi una summa della filosofia giapponese: ed infatti è una citazione dell’ingiunzione del Principe Shotoku che apre la costituzione del regno dell’Imperatrice Suiko. E sono queste le linee concettuali alle quali si ispira la nuova sede di Christie’s Japan, che la grande casa d’aste si è regalata in occasione […]

Ricercare l’armonia come forma di rispetto”. Quasi una summa della filosofia giapponese: ed infatti è una citazione dell’ingiunzione del Principe Shotoku che apre la costituzione del regno dell’Imperatrice Suiko. E sono queste le linee concettuali alle quali si ispira la nuova sede di Christie’s Japan, che la grande casa d’aste si è regalata in occasione del quarantesimo anniversario della sua presenza nel paese del sol levante.
Autore: Hiroshi Sugimoto. E non è un’omonimia, si tratta proprio del grande artista e fotografo concettual-minimalista, che – come segnalato da Designboom – per l’occasione si è trasformato in progettista per disegnare il nuovo edificio, posizionato tra la Stazione di Tokyo ed il Palazzo Imperiale. Particolare attenzione è stata dedicata all’estetica della zona di ingresso, agli spazi espositivi e alla sala riunioni, che si affaccia proprio sul giardino esterno del Palazzo Imperiale.
Sugimoto ha mantenuto nel suo progetto la caratteristiche architettoniche della struttura originale, anche l’uso del legno e degli elementi metallici. Nella gallery, alcune immagini dei risultati…

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.