Primo vernissage dell’anno, per Milano: al Castello Sforzesco arriva la retrospettiva su Renzo Bergamo, astrattista scienziato. Per cui garantiscono Mina e Giulio Giorello: ecco, in anteprima, la fotogallery

Chi c’è nel pantheon di Mina, inarrivabile icona della musica e – fin dai tempi dei suoi elzeviri per La Stampa – curiosa indagatrice del suo e nostro tempo? Alla voce compositori trovi Puccini; a quella scrittori Gadda. Tra gli artisti? Renzo Bergamo. Ad assicurarlo è la stessa tigre di Cremona, che insieme al filosofo […]

Chi c’è nel pantheon di Mina, inarrivabile icona della musica e – fin dai tempi dei suoi elzeviri per La Stampa – curiosa indagatrice del suo e nostro tempo? Alla voce compositori trovi Puccini; a quella scrittori Gadda. Tra gli artisti? Renzo Bergamo. Ad assicurarlo è la stessa tigre di Cremona, che insieme al filosofo della scienza Giulio Giorello et alia firma il catalogo che accompagna la retrospettiva milanese sull’esponente dell’astrarte. Un bizzarro ma profondo incontro tra arte e scienza quello che inaugura, al Castello Szorzesco, il 2013 delle mostre a Milano e che, così come fu l’anno passato per Bramantino, punta sull’adagio della massima resa con minima spesa: evento sobrio, ma soprattutto – in questo caso – supportato dal lavoro dell’associazione che si occupa del lascito, materiale e immateriale del maestro, già oggetto di riflessione nel corso dell’edizione 2007 del Festival della Scienza di Genova. Si inaugura tra qualche ora, domani l’apertura al pubblico – ingresso gratuito fino a metà marzo. Subito la fotogallery di Artribune

– Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.