Palermo, Milano e oltre… Nasce RizHoma, nuovo spazio meneghino dell’arte contemporanea nato in Sicilia: ad Artribune lo racconta la curatrice, Martina Colajanni

Partecipazione, condivisione e ricerca sul territorio. Sono questi i punti chiave del progetto, esplicitati da un manifesto che ha guidato l’attività della galleria a Palermo per tutto il 2012, quando sette giovani artisti si sono alternati in residenza nella house-gallery di Piazza Marina, un vecchio appartamento preso in affitto dalla stessa curatrice e trasformato in […]

Partecipazione, condivisione e ricerca sul territorio. Sono questi i punti chiave del progetto, esplicitati da un manifesto che ha guidato l’attività della galleria a Palermo per tutto il 2012, quando sette giovani artisti si sono alternati in residenza nella house-gallery di Piazza Marina, un vecchio appartamento preso in affitto dalla stessa curatrice e trasformato in galleria d’arte. Progetto? Sì, quello della Rizhoma Gallery, “nuovo” spazio per l’arte contemporanea in quanto, nato appunto a Palermo nell’autunno 2011 da un progetto curatoriale di Martina Colajanni, si trasferisce ora a Milano, in via Plinio.

RizHoma accoglie la sfida del confronto con un nuovo territorio, dettata dal carattere nomade del progetto, “che prende ispirazione dallo spazio in cui si inserisce”. Mercoledì 30 Gennaio il primo appuntamento nella sede milanese, in occasione di una mostra Displaces. Teorie sulla cecità, in cui l’artista Arianna Carossa e Rizhoma sperimentano quella sensazione di spaesamento che nasce dall’aver attraversato un confine, approdando in un territorio ancora inesplorato. Ecco cosa ha raccontato la curatrice di fronte alle telecamere di Artribune.

– Manu Buttiglione

Inaugurazione: mercoledì 30 gennaio 2013 – ore 19
Dal 30 gennaio al 25 febbraio 2013
Via Plinio 20 – Milano
www.rizhomahousegallery.it


CONDIVIDI
Manu Buttiglione
Manu Buttiglione (Bari, 1983) è una storica dell’arte da sempre interessata alle diverse espressioni della creatività contemporanea, con un’attenzione particolare verso gli artisti della sua generazione. Dopo la laurea in Storia dell’arte contemporanea presso l’Università di Bologna ha intrapreso diverse collaborazioni con artisti, gallerie, spazi non profit e istituzioni tra l’Italia, il Regno Unito e la Lituania; al momento vive e lavora a Milano, con la valigia sempre pronta per nuove avventure.
  • francesco

    brava la Colajanni, la sperimentazione genera la democrazia reale!!!