Lo Strillone: su Italia Oggi il CODACONS attacca la stampa amica di Della Valle, che amplificherebbe il dissesto del Colosseo. E poi il futuro dell’arte sacra, tutti contro la Scala, la Roma di Caproni…

Il Colosseo perde i pezzi? Una congiura! Così il CODACONS, che ritiene gonfiate ad arte le notizie dei recenti scricchiolii del monumento: sarebbero finalizzate a indurre i giudici del Consiglio di Stato a pronunciarsi in favore del restauro griffato Tod’s, su cui pende ricorso. L’affascinante teoria del complotto su Italia Oggi. Il mondo della musica colta […]

Quotidiani
Quotidiani

Il Colosseo perde i pezzi? Una congiura! Così il CODACONS, che ritiene gonfiate ad arte le notizie dei recenti scricchiolii del monumento: sarebbero finalizzate a indurre i giudici del Consiglio di Stato a pronunciarsi in favore del restauro griffato Tod’s, su cui pende ricorso. L’affascinante teoria del complotto su Italia Oggi.

Il mondo della musica colta è in crisi: rimbalza un po’ ovunque la notizia del commissariamento del Maggio Fiorentino; su Corriere della Sera Quotidiano Nazionale si torna sul caso del sostegno dello Stato alla Scala: dopo le lamentele della Fenice di Venezia arrivano quelle dell’Accademia di Santa Cecilia. Della serie: un po’ per uno in braccio a mamma Ornaghi…

L’arte sacra è fuori dal tempo? Oppure rappresenta ancora un ambito di indagine e riflessione sull’assoluto? Tra chiese brutte e opere incomprensibili le riflessioni di Andrea Dall’Asta nel suo elzeviro per Avvenire. Continuano i successi degli archeologi italiani, che dopo aver scoperto una nuova necropoli a Luxor si imbattono, su Libero, in un tempio ittita.

Al Museo della Resistenza di Torino i disegni dal lager di Luigi Carluccio: La Stampa, che accoglie un ricco speciale su Arte Fiera, gioca d’anticipo sulla prossima Giornata della Memoria. La Roma di Caproni in mostra e su il manifesto.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.