Lo Strillone: inefficienze italiche, per Il Fatto Quotidiano, dietro all’evitabile degrado del Colosseo. E poi collezionisti a caccia di de Sade, intellettuali contro il cemento in Valpolicella, l’Archivio di Stato francese firmato Fuksas…

Se la medicina è sbagliata il medico rischia di ammazzare il paziente. A soffrire è il Colosseo, che perde i pezzi; il primario è Lorenzo Ornaghi, la cura – pare – una Commissione per il restauro: inutile perdita di tempo per La Repubblica; tragica immagine del delirio italiano, con il valzer di competenze tra enti […]

Quotidiani
Quotidiani

Se la medicina è sbagliata il medico rischia di ammazzare il paziente. A soffrire è il Colosseo, che perde i pezzi; il primario è Lorenzo Ornaghi, la cura – pare – una Commissione per il restauro: inutile perdita di tempo per La Repubblica; tragica immagine del delirio italiano, con il valzer di competenze tra enti diversi e gli inevitabili ricorsi al TAR, per Il Fatto Quotidiano.

Ci sono Franco Prodi ed Ilvo Diamanti, oltre a un immancabile Salvatore Settis: su Corriere della Sera la petizione di intellettuali ed accademici per chiedere al governatore del Veneto Luca Zaia di salvare la Valpolicella dall’assedio di villette e capannoni.

Carlo Perrone, editore de Il Secolo XIX, sfida Parigi: su Quotidiano Nazionale (che lancia in grande stile l’apertura dio ArteFiera) la corsa al manoscritto originale de “Le 120 giornate di Sodoma”, conturbante romanzo del marchese de Sade conteso da estrosi collezionisti alla Biblioteca Nazionale transalpina. E in Francia finisce pure Italia Oggi: aprono i nuovi Archivi di Stato, disegnato nella periferia parigina da Massimiliano Fuksas

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.