Lo Strillone: “I Girasoli” di Van Gogh rovinati dai led dei musei su La Repubblica. E poi il redditometro spaventa gallerie e collezionisti, a Ferrara si apre il cantiere per il Museo Ebraico, scoperte archeologiche in Israele…

È come se stessero bruciando, vinti dall’afa e dalla siccità. Allarme rosso, o meglio, marrone, per I Girasoli di Van Gogh: una ricerca inglese ripresa da La Repubblica svela l’imbrunimento della pellicola pittorica, rovinata dai led dei musei. Atmosfera immacolata, invece, nei bianchi saloni del distaccamento del Louvre a Lens: visitato da La Stampa. Ma […]

Quotidiani
Quotidiani

È come se stessero bruciando, vinti dall’afa e dalla siccità. Allarme rosso, o meglio, marrone, per I Girasoli di Van Gogh: una ricerca inglese ripresa da La Repubblica svela l’imbrunimento della pellicola pittorica, rovinata dai led dei musei. Atmosfera immacolata, invece, nei bianchi saloni del distaccamento del Louvre a Lens: visitato da La Stampa.

Ma a tenere banco, all’ombra della Mole, sono i timori nei confronti del prossimo redditometro: i controlli a tappeto possono deprimere le spese di lusso, anche quelle in materia d’arte. Analisi puntuale quella con cui Rocco Moliterni tasta il polso ad un mercato che vive giorni felici. Mentre Bonami attacca il sistema Italia, Rivoli e Maxxi in testa, in ritardo nell’omaggiare Boetti.

Le pagine che Il Sole 24Ore dedica, ogni settimana, al pianeta dell’edilizia riprendono la nomina di Koolhaas alla guida della Biennale di Architettura; ma anche la volontà di avviare il cantiere per il Museo Ebraico di Ferrara entro la fine del 2013. Ha quasi tremila anni il tempio rinvenuto nel sito archeologico di Tel Motza, zona Gerusalemme: la scoperta in una breve su Il Giornale.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.