Lo Strillone: con Luca Beatrice su Il Giornale i top e i flop del 2012. E poi: Settis molla il FAI, il Colosseo a colori, padiglioni per mercati Belle Epoque in giro per l’Europa…

E via con la lista di proscrizione, lanciata da Il Giornale dell’Arte e prontamente ripresa su Il Giornale da Luca Beatrice, impietoso nel riportare la classifica con i top e i flop del 2012. Giù dalla torre Lorenzo Ornaghi e Maurizio Cattelan; pollice su per William Kentridge. Crisi o no, la cultura tira. Almeno a […]

Quotidiani
Quotidiani

E via con la lista di proscrizione, lanciata da Il Giornale dell’Arte e prontamente ripresa su Il Giornale da Luca Beatrice, impietoso nel riportare la classifica con i top e i flop del 2012. Giù dalla torre Lorenzo Ornaghi e Maurizio Cattelan; pollice su per William Kentridge. Crisi o no, la cultura tira. Almeno a Milano. Dalle code per l’Amore e Psiche a Palazzo Marino fino alle temporanee del Museo del Novecento: riflessioni positive quelle di Orio Vergani su Quotidiano Nazionale.

Caos in casa FAI: mentre il manifesto torna a occuparsi delle Primarie della Cultura, su Il Fatto Quotidiano i retroscena dei terremoti interni all’associazione. Con la candidatura della presidente Letizia Borletti Buitoni nella lista di Mario Monti e le conseguenti, polemiche, dimissioni di Salvatore Settis dal cda.

Il Colosseo? Era a colori: intriganti rivelazioni archeologiche su La Repubblica. Architetture … a buon mercato! Su La Stampa un atlante dei padiglioni Belle Epoque nati, da Stoccolma a Madrid, per accogliere i mercati; ed oggi riscoperti, restaurati e rifunzionalizzati.

– Lo Strillone di Artribune è Francesco Sala

 

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.