Giorgio Morandi a cinquanta anni dalla morte. A Bologna le celebrazioni partono un anno prima: con una mostra internazionale (e itinerante) di incisioni

Nel 2014 ricorrerà il 50esimo anniversario della scomparsa di Giorgio Morandi, che morì a Bologna – dove era nato nel 1890 – il 18 giugno 1964. E le amministrazione sembrano essersi attivato con oltre un anno di anticipo per dare grande solennità alle Celebrazioni Morandiane. Già da ora, infatti, Eugenio Santoro – su incarico del […]

Elizabeth Burton (Australia) - Nautilus

Nel 2014 ricorrerà il 50esimo anniversario della scomparsa di Giorgio Morandi, che morì a Bologna – dove era nato nel 1890 – il 18 giugno 1964. E le amministrazione sembrano essersi attivato con oltre un anno di anticipo per dare grande solennità alle Celebrazioni Morandiane. Già da ora, infatti, Eugenio Santoro – su incarico del Comune di Bologna – Quartiere S. Stefano – organizza la mostra Message in a bottle, che dopo il debutto a Bologna passerà a maggio a Bodio Lomnago, provincia di Varese, ed in agosto in Sicilia, a Nicosia, nel Museo del Presente.

In omaggio alla preziosa attività grafica di Morandi, il curatore ha invitato una sessantina di artisti a realizzare altrettante incisioni aventi come tema Morandi e la sua città. A conferma dell’universalità dell’arte morandiana, saranno presenti creativi italiani a fianco di altri provenienti da tutto il mondo, dalla Nuova Zelanda al Sud Africa, Irlanda, Australia, Olanda, Inghilterra.

Inaugurazione: sabato 13 gennaio 2013 – ore 16.30
Dal 13 al 20 Gennaio 2013
Via Santo Stefano, 119 – Bologna
[email protected]

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.