Circumnavigando Firenze, macchina fotografica alla mano. Per Villa Romana Daniel Maier-Reimer riscopre e documenta i veri confini della città: e li mostra a tutti in piazza…

Nel mese di novembre ha camminato per cinque giorni lungo il confine della città di Firenze, così come segnato sulle mappe. E poi ha prodotto un’immagine frutto del suo viaggio solitario e meditativo, del rapporto tra centro e periferia e della sua relazione con i confini politici e naturali toscani. Chi? L’artista tedesco Daniel Maier-Reimer, […]

Un'opera di Daniel Maier-Reimer

Nel mese di novembre ha camminato per cinque giorni lungo il confine della città di Firenze, così come segnato sulle mappe. E poi ha prodotto un’immagine frutto del suo viaggio solitario e meditativo, del rapporto tra centro e periferia e della sua relazione con i confini politici e naturali toscani. Chi? L’artista tedesco Daniel Maier-Reimer, la cui opera viene ora svelata e affissa pubblicamente – dall’8 al 12 gennaio – in Piazza degli Ottaviani, a due passi da Santa Maria Novella.
Il progetto – titolo Un viaggio lungo il confine della città di Firenze – si inserisce nel programma di Residenze d’artista realizzato da Villa Romana a Firenze, e al quale il fotografo prenderà parte a partire dal prossimo mese. L’esperienza fiorentina dei quattro artisti  ospiti a Villa Romana da febbraio a novembre 2013 avrà inizio con l’inaugurazione della mostra collettiva del 15 Febbraio presso il centro sito in via Senese. L’istallazione di Maier-Reimer è curata dal Master IED Firenze in Arts Management, in collaborazione con Villa Romana e con il patrocinio del Comune di Firenze.

Martedì 8 gennaio 2013 – ore 12.00
Piazza degli Ottaviani – Firenze
www.villaromana.org

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.