Bologna Updates: il Premio Euromobil si veste di rosa. Margherita Cesaretti e Valentina Miorandi conquistano il podio: dalla religione alla botanica, una grazia tutta femminile

Un ex aequo tutto al femminile per il Premio Euromobil, giunto alla settima edizione e istituito nel 2006 dai fratelli Lucchetta per sostenere gli artisti under 30 promossi dalle gallerie di Arte Fiera. Sulle 33 opere candidate, hanno avuto la meglio due donne, a pari merito: Margherita Cesaretti e Valentina Miorandi. In giuria, oltre ai […]

Valentina Miorandi, Last

Un ex aequo tutto al femminile per il Premio Euromobil, giunto alla settima edizione e istituito nel 2006 dai fratelli Lucchetta per sostenere gli artisti under 30 promossi dalle gallerie di Arte Fiera. Sulle 33 opere candidate, hanno avuto la meglio due donne, a pari merito: Margherita Cesaretti e Valentina Miorandi. In giuria, oltre ai titolari del Gruppo Euromobil, c’erano Giorgio Verzotti e Claudio Spadoni, in rappresentanza della fiera, Beatrice Buscaroli, critico d’arte, Aldo Colonetti, direttore scientifico IED, e il designer Cleto Munari. La motivazione? Ottimo livello tecnico, abbinato alla capacità di esprimere “valori estremamente contemporanei”.

Margherita Cesaretti, Erbario

Tema classico per Cesaretti, umbra, classe ’82, che con il suo Erbario, tra pittura e fotografia, reinterpreta la natura mixando sperimentazione sui materiali, lirismo, ricerca botanica e pratiche d’archivio. Per la Miorandi, trentina, anche lei del 1982, lo sguardo si sofferma su un’icona di tutti i tempi: l’immagine dell’ultima cena, modificata digitalmente, acquista una modulazione concettuale con effetti di ribaltamento, astrazione, straniamento.
Le opere premiate confluiscono, come di consueto, nella collezione del Gruppo Euromobil.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Rispetto al Furla paiono più interessanti e significative…

  • Nina Stricker

    Complimenti Valentina!!!