Art Digest: Tiziano e il medico della sifilide. Sognare a Los Angeles, con John Baldessari. Querida presencia, comandante Tracey Emin

Una cura per la sifilide pagata con un ritratto? Esce fuori di tutto, nella storia delle attribuzioni di Tiziano: anche un’opera della National Gallery di Londra che raffigurerebbe Girolamo Fracastoro, il medico che dette il nome alla malattia… (guardian.co.uk) Learn to Dream, oppure Aprende a soñar. Tradotto: imparare a sognare. È questo lo slogan con […]

L'opera attribuita a Tiziano (foto National Gallery)

Una cura per la sifilide pagata con un ritratto? Esce fuori di tutto, nella storia delle attribuzioni di Tiziano: anche un’opera della National Gallery di Londra che raffigurerebbe Girolamo Fracastoro, il medico che dette il nome alla malattia… (guardian.co.uk)

Learn to Dream, oppure Aprende a soñar. Tradotto: imparare a sognare. È questo lo slogan con cui John Baldessari ha ridisegnato 12 autobus di Los Angeles, nell’ambito di una campagna a favore del Los Angeles Fund for Public Education… (latimes.com)

Comandante su tacco 12. Conferme su conferme, gli artisti sono proprio innervati nel profondo della società inglese: tanto che Tracey Emin ha ricevuto il prestigioso ordine onorifico di Commander of the British Empire… (artdaily.org)

Alcuni pensano sia italiano, tanti si godono le bellissime mostre nell’omonimo palazzo che lui ha lasciato a Venezia. Ora il Museu Nacional d’Art de Catalunya lancia un progetto di digitalizzazione di disegni e stampe del pittore spagnolo Mariano Fortuny… (hoyesarte.com)

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.