Qualcosa si muove, in quel di Catania. Nel senso che, a sorpresa, apre una nuova galleria. Tanta pittura, tantissimi artisti: una super collettiva che, si spera, inauguri una bella avventura

Non sono tante le gallerie d’arte contemporanea, a Catania. Come del resto a Palermo. E nelle altre città manco a parlarne. Si contano sulle dita di due mani quelle che, in tutta la Sicilia, portano avanti un lavoro serio di ricerca, radicato nell’attualità e rivolto, il più possibile, alla scena nazionale e internazionale. Non c’è […]

Paolo Collini

Non sono tante le gallerie d’arte contemporanea, a Catania. Come del resto a Palermo. E nelle altre città manco a parlarne. Si contano sulle dita di due mani quelle che, in tutta la Sicilia, portano avanti un lavoro serio di ricerca, radicato nell’attualità e rivolto, il più possibile, alla scena nazionale e internazionale. Non c’è collezionismo, sull’isola. E quello che c’è preferisce fare affari nel continente. Forse proprio perché l’offerta locale è angusta? Un cane che si morde la coda. Ma non è solo questo. Discorso complesso, arenato in una specie di circolo vizioso, che la stretta soffocante della crisi contribuisce a estremizzare. L’apertura di una nuova galleria, da queste parti è un fatto oramai eccezionale. Un fatto che, purtroppo, di rado coincide con l’avvio di esperienze significative, alternative, energiche. Tra esperimenti falliti e vocazioni più o meno provinciali.

Mario Consiglio, Progetto per un monumento al martirio di Sant’Agata con probabile conseguente miracolo delle acque in Sicilia, 2012

Catania, dicevamo. Dove domenica 9 dicembre apre i battenti una nuova galleria. Una buona notizia, a prescindere. Si chiama Catania Art Gallery, semplicemente. Poca fantasia nel nome, si spera compensata da una certa sostanza nei fatti. Il quartiere è uno di quelli storici della città etnea, la location è un prestigioso palazzo liberty. E l’apertura è affidata a un’ampissima collettiva: 43 opere, per dare forma e senso al titolo “Altrove – Luogo o Poesia“, scelto dalla curatrice, Beatrice Buscaroli. Numeri da big show: una maxi adunata di meed career, con background e stili molto (troppo?) diversi tra loro, per un tema decisamente sfumato, da indossare con facilità. Nel gruppo emergono figure come quelle di Mario Consiglio, Alessandro Cannistrà, Andrea Chiesa, Silvia Argiolas, Giuliano Sale, Vanni Cuoghi, Tamara Ferioli, Giorgio Tonelli, Roberto Floreani. Tripudio di pittura e tutte produzioni nuove, realizzate ad hoc. Un’altra notizia che, nell’attesa di vedere che direzione prenderà la galleria, fa ben sperare. Luoghi di qualità per la pittura ne mancano, in Sicilia come nel resto d’Italia. E alla pittura, sarebbe pure l’ora, occorre tornare a dedicare più spazio e più tempo: in termini di mercato, ma soprattutto di dignità intellettuale e di prestigio. Il resto del mondo lo ha già capito da un po’.

– Helga Marsala

opening: 9 dicembre 2012, ore 17.30
fino al 27 gennaio 2013
Via Galatioto 21, Catania

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Questa è una bella notizia. Forza Catania Art Gallery!

  • Cràunchiu

    Nuova galleria ma vecchi e tristemente noti personaggi! E’ la terza galleria (Galleria LIBRA, LIBRA ART GALLERY) che il signor Salvo Torrisi apre in pochi anni, sempre cambiando nome e location. Chissà perché??? Chiedete a chi ci ha avuto a che fare e forse lo capirete. La Buscaroli dev’essere davvero caduta in basso per prestarsi ancora ad operazioni del genere! Anche perché conosce perfettamente con chi ha a che fare!