Pier Paolo Pasolini schermo umano per lo stesso Pasolini. Il MoMA PS1 gli dedica una retrospettiva, ed il fiore all’occhiello è la performance “Intellettuale” di Fabio Mauri

Due grandi italiani, che si incontrano a New York. Pier Paolo Pasolini e Fabio Mauri. Per raccogliere i fondi necessari a coprire le operazioni di soccorso dell’uragano Sandy (abbattutosi sulla città di New York lo scorso ottobre), il MoMA PS1 ha messo in cantiere una serie di grandi eventi a sessioni speciali. Tra questi, una […]

Fabio Mauri - Intellettuale

Due grandi italiani, che si incontrano a New York. Pier Paolo Pasolini e Fabio Mauri. Per raccogliere i fondi necessari a coprire le operazioni di soccorso dell’uragano Sandy (abbattutosi sulla città di New York lo scorso ottobre), il MoMA PS1 ha messo in cantiere una serie di grandi eventi a sessioni speciali. Tra questi, una retrospettiva in onore di Pasolini, in programma fino al 5 gennaio 2013) con proiezioni, spettacoli, letture, conferenze per celebrare la sua influenza come poeta, scrittore, attivista politico e personaggio pubblico, grande interprete della coscienza collettiva del dopoguerra in Italia.
E nel contesto di questo importante appuntamento, domenica 16 dicembre 2012 dalle 12 alle 18, viene presentata la performance Intellettuale, realizzata da Fabio Mauri per la prima volta nel 1975, nel corso delle attività inaugurali della nuova Galleria d’Arte Moderna di Bologna, pochi mesi prima della misteriosa morte del regista, amico fraterno dell’artista fin dai tempi dell’adolescenza.
Mauri proiettò Il Vangelo secondo Matteo (1964) di Pasolini sulla persona del regista stesso, trasformandolo in uno schermo pubblico. La performance è stata ripresentata con successo, nel corso degli anni, in diverse edizioni e in più paesi del mondo. L’ultima in ordine temporale al Palazzo Reale di Milano, in occasione della grande retrospettiva Fabio Mauri – The End (19 giugno – 23 settembre 2012) curata da Francesca Alfano Miglietti.

Intellettuale, 1975
Domenica 16 dicembre 2012 – dalle 12 alle 18
MoMA PS1
22-25 Jackson Avenue – Long Island City, NY 11101
www.momaps1.org

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.